Banca Generali: raccolta netta ottobre a 231 mln

Secondo Gian Maria Mossa, la raccolta a ottobre rappresenta un risultato solido in un mese molto difficile

di Enzo Lecci, pubblicato il
Secondo Gian Maria Mossa, la raccolta a ottobre rappresenta un risultato solido in un mese molto difficile

Banca Generali ha reso noto di aver realizzato ad ottobre una raccolta netta di €231 milioni con un saldo da inizio anno di oltre €4,3 miliardi.
La forte volatilità delle ultime settimane ha penalizzato gli strumenti gestiti spingendo i risparmiatori verso le soluzioni più difensive come la liquidità e il risparmio amministrato (€295 milioni nel mese e €2,4 miliardi da inizio anno).
Nel risparmio amministrato si è registrato un crescente interesse verso i prodotti strutturati, come le cartolarizzazioni di soluzioni alternative e i collocamenti sul primario (raccolta netta nel mese di €70 milioni) che traggono vantaggio dalla situazione di elevata volatilità. Parte di queste continuano ad essere offerte all’interno del servizio di consulenza evoluta che, anche in un mese difficile, registra nuovi contratti per €65 mln.
Tra le proposte gestite si segnala il risultato positivo dei fondi comuni, di riflesso al lancio di nuovi comparti nella Sicav lussemburghese LUX IM, che vengono apprezzati per le opportunità di diversificazione. La raccolta del mese è stata infatti positiva per €55 milioni con un saldo di €687 milioni da inizio anno.

L’Amministratore Delegato, Gian Maria Mossa, ha commentato: “Un risultato solido in un mese molto difficile che ha visto i nostri consulenti vicino ai clienti nel gestire la crescente incertezza ed avversione al rischio. Con questi picchi di volatilità aumenta la domanda di protezione da parte delle famiglie che cercano interlocutori solidi e professionali; i flussi di raccolta amministrata confermano questa tendenza e l’attenzione da parte di nuovi clienti. L’esperienza nella gestione di situazioni complesse e la capacità di innovazione nell’offerta, come nel caso dei nuovi comparti di Lux IM, ci rendono fiduciosi di centrare gli obiettivi di crescita 2018”.

Argomenti: Banca Generali