Banca Carige: tensione alta nel board, ecco il punto della situazione

La Procura di Genova apre un fascicolo, al momento contro ignoti, per manipolazione del mercato

di Enzo Lecci, pubblicato il
La Procura di Genova apre un fascicolo, al momento contro ignoti, per manipolazione del mercato

Dopo le recenti turbolenze interne, il Sole24Ore ha provato a fare il punto della situazione su quelli che sono i rapporti di forza nel board di Banca Carige. Il quotidiano di Confindustria ha ricordato che nelle scorse ore sono arrivate la richiesta dell’azionista di riferimento della banca Malacalza Investimenti (20,6% del capitale) e  dell’azionista Raffaele Mincione (5,4% detenuto ufficialmente ma con l’intento di salire oltre il 9%). Entrambi, come noto, hanno chiesto la revoca del consiglio di amministrazione della banca attualmente in carica. Il Sole24Ore ritiene che alcuni consiglieri di amministrazione possano dimettersi nella riunione del 4 agosto prossimo mentre altri consiglieri sarebbero intenzionati ad arrivare all’assemblea dei soci che dovrà rinnovare il consiglio. L’assemblea si terrà presumibilmente il prossimo 20 settembre.

Ma i problemi per Banca Carige non sono solo interni. Sempre secondo il quotidiano di Confindustria, infatti, la Procura della Repubblica di Genova avrebbe aperto un fascicolo. “L’ipotesi di reato, al momento nei confronti di ignoti, è manipolazione del mercato” evidenzia il quotidiano finanziario.

L’apertura del fascicolo potrebbe avere un impatto sul titolo Banca Carige in apertura di contrattazioni a Piazza Affari. Ieri, grazie ala buona intonazione di tutte le banche, Carige ha chiuso in positivo

Argomenti: Banca Carige

I commenti sono chiusi.