Banca Carige prova a reagire, le ultime novità del CdA

Gli analisti di Fitch hanno tagliato il rating su Banca Carige a CCC+

di Enzo Lecci, pubblicato il
Gli analisti di Fitch hanno tagliato il rating su Banca Carige a CCC+

Dopo il pugno di ferro adottato da Fitch nei confronti di Banca Carige (con il rating della banca ligure che è stato abbassato da B- a CCC+ a causa del concreto rischio di fallimento dell’istituto ligure), la banca genovese prova a ridare fiducia ai mercati. Al termine di un lungo consiglio di amministrazione che si tenuto nella giornata di ieri, sono stati adottati alcuni importanti provvedimenti. Più nel dettaglio, il CdA ha dato il via libera  alla formalizzazione dell’accordo con Bain Capital Credit per la cessione 400 milioni di crediti utp (ossia unlikely to pay, le inadempienza probabili) e a all’individuazione di una banca di investimento per esplorare possibili aggregazioni. Questa seconda decisione conferma che la banca ligure ha intenzione di guardare al dossier fusioni. Sempre il consiglio di amministrazione ha dato anche mandato all’amministratore delegato di predisporre un piano di azione che garantisca, indipendentemente dalle presenti condizioni di mercato, il rispetto entro fine anno anche dei parametri di copertura del capitale. Più nel dettaglio sono allo studio i termini e le modalità idonee a chiudere il gap e la definizione delle garanzie per assicurarne l’esecuzione entro il 31 dicembre 2018.

Queste ultime novità potrebbero condizionare l’andamento del titolo Banca Carige in avvio di contrattazioni  (Rimbalzo in vista per Piazza Affari? Attenzione sempre su Banca Carige).

Argomenti: Banca Carige, col_Rullo