Banca Carige: la Fondazione scende al 24%, chi è entrato?

La Fondazione ha venduto il 15% di Carige, scendendo intorno al 24-25%, ma dovrà ancora ridurre il suo peso fino a un minimo del 15%.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il

Fondazione Carige scende al 24%La Fondazione di Banca Carige ha annunciato a sorpresa di avere venduto 326,2 milioni di azioni ordinarie sul mercato, corrispondenti al 15% del capitale dell’istituto, scendendo così dall’attuale 40% al 24-25%. Pare che i titoli siano stati ceduti a un prezzo compreso tra 0,435 e 0,48 euro ciascuno per un incasso complessivo di 150 milioni di euro circa.

La cessione è avvenuta, quindi, a forte sconto (14% circa), rispetto ai prezzi di mercato attuali delle azioni Carige, ma l’aspetto più interessante è che la Fondazione abbia deciso di vendere sul mercato, dopo che aveva annunciato una cessione all’asta. A quanto pare, però, le offerte pervenute all’Ente guidato da Paolo Momigliano non sarebbero state allettanti. Tra queste, anche quella di Investindustrial del finanziere Andrea Bonomi, giudicata insufficiente da un punto di vista finanziario, ma che aveva un carattere industriale. La procedura di vendita è stata, quindi, quella del “bookbuilding”, ossia un collocamento riservato agli investitori industriali.

Già in aprile l’Ente aveva limato la sua partecipazione dal 43% al 40% e il ricavato gli servirà sia a ridurre il proprio debito, sia anche a partecipare all’aumento di capitale di 800 milioni della banca, che avrà inizio da metà giugno. I tempi stringono e non sembra che per l’azionista di riferimento sia finita qui. Esso ha ottenuto dal Tesoro l’autorizzazione a scendere al 19%, percentuale a cui dovrebbe scendere post-aumento, ma si valuterebbe una discesa fino a una percentuale minima del 15%.

Proprio il forte ridimensionamento del peso della Fondazione potrebbe attirare nuovi investitori, similmente a quanto accaduto in MPS. Non si conoscono ancora i nomi di quanti hanno comprato nelle scorse ore le azioni in vendita, ma con la prospettiva di un’ulteriore discesa fino a 9 punti percentuali, c’è tutta la possibilità per ingressi di soci stabili e dal carattere industriale. Andrea Bonomi potrebbe rientrare nella partita, sempre che non lo abbia già fatto.

 

APPROFONDISCI – Tutti vogliono Banca Carige! Ecco cosa spinge gli acquisti

 

 

 

 

Argomenti: Banca Carige, Borsa Milano, col_Rullo