Banca Carige crolla, è caos: Malacalza sfiducia Ad Bastianini, titolo in asta

di , pubblicato il
Banca Carige viene sospesa dalle contrattazioni per eccesso di ribasso. Via libera del CdA all'iter previsto dalla legge per il rilascio della garanzia statale (GACS)

Resa dei conti in Banca Carige. Il vicepresidente dell’istituto ligure Vittorio Malacalza ha aspramente criticato l’azione dell’attuale Amministratore Delegato, Guido Bastianini. Malacanza si è detto costretto a rivedere il proprio rapporto di fiducia con il manager affermando di non essere più intenzionato a condividere gli indirizzi di gestione che vengono attualmente espressi. Alla luce di tali considerazioni, Malacalza ha sottoposto le sue riserve all’esame del consiglio di amministrazione di Banca Carige. Il vicepresidente della banca ligure ha già fatto sapere che, nel caso in cui la propria posizione non fosse ampiamente condivisa dal consiglio di amministrazione, sarebbe inevitabile un suo passo indietro dal vertice della banca. Malacanza, quindi, sembrerebbe chiedere al CdA di compiere una precisa scelta di campo schierandosi con lui o con l’attuale amministratore delegato.

L’aut aut di Malacanza è arrivato ieri nel corso di un CdA che ha autorizzato la cessione di un portafoglio di crediti non performing pari a circa 940 milioni di euro. Il massimo organo di Banca Carige ha anche dato il via libera all’avvio dell’iter autorizzativo previsto dalla legge per il rilascio della garanzia statale (GACS) in relazione alla tranche senior dei titoli nonché la vendita delle tranche mezzanine e junior.

L’inevitabile scontro che si sta profilando al vertice di Banca Carige, ha ovviamente mandato al tappeto il titolo della banca ligure. In apertura di contrattazioni, infatti, Banca Carige è stata sospesa per eccesso di ribasso. La quotata, in questo momento, è in asta di volatilità con un ribasso teorico di oltre 7 punti percentuali.

Argomenti: ,