Avio: guidance 2019 confermata alla conferenza degli Stati Membri dell’ESA

di , pubblicato il
Circa €400 mln verranno destinati alle attività di R&S e di supporto per i programmi Vega C, Ariane 6, Vega Evolution, Vega C light e Space Rider. Il budget europeo complessivo per lo Spazio è salito del 36% rispetto al triennio precedente, a 14,4 mld, il più alto della storia dell’ESA.

Avio sale del 3,19% a 14,22 euro (intorno alle10:15) dopo aver confermato la guidance 2019 e che è stata determinata la ripartizione del budget europeo per lo spazio.

La settimana scorsa a Siviglia è terminata la Conferenza Ministeriale degli Stati Membri dell’ESA, che ha conferito i budget ai differenti programmi di ricerca e sviluppo spaziale per il triennio 2020-2022. Nel complesso, il budget europeo per lo Spazio è salito del 36% rispetto al triennio precedente, a 14,4 miliardi, il più alto della storia dell’ESA. L’Italia conferma un ruolo di primo piano nel settore, con un budget di  2,3 miliardi per 3 anni (+72% rispetto al triennio precedente), pari al 16% del totale dei fondi sottoscritti dai Governi degli Stati membri dell’ESA.

I programmi dedicati all’accesso allo Spazio, come Vega, Ariane e Space Rider, nei quali Avio svolge un ruolo di primo piano, sono stati pienamente confermati e hanno ricevuto una allocazione di budget totale di  2,2 miliardi, in crescita del 39% rispetto al triennio precedente, a conferma della rilevanza strategica della capacità europea di accesso autonomo allo Spazio.

I programmi in cui Avio è direttamente coinvolta, come Vega C, Ariane 6, Vega Evolution, Vega C light e Space Rider sono stati pienamente confermati ed ampliati nelle prospettive. Sulla base di quanto stabilito dagli Stati Membri dell’ESA, Avio attende l’assegnazione di contratti per attività di ricerca, sviluppo e supporto alle condizioni operative per oltre  400 milioni a partire dal 2020.

Avio conferma quindi la guidance 2019 già anticipata a inizio anno così sintetizzata:

  • Net Order Backlog: chiusura di fine anno leggermente inferiore alle attese per la firma di alcuni contratti differita ad inizio 2020;
  • Ricavi: prossimi alla guidance, nonostante il parziale rallentamento su alcune attività a seguito della failure del VV15;
  • EBITDA Reported: guidance confermata;
  • Net income: guidance confermata.
      
Argomenti: