Aumento capitale Unicredit e cartolarizzazioni: importo e caratteristiche. Ecco i dati ufficiali - Finanza e Borsa - InvestireOggi.it Finanza e Borsa – InvestireOggi.it

Aumento capitale Unicredit e cartolarizzazioni: importo e caratteristiche. Ecco i dati ufficiali

Unicredit lancia un aumento di capitale da 13 miliardi e mette in cantiere un piano di svalutazioni. Obiettivo della banca è conseguire un utile pari a 4,7 miliardi nel 2017

Unicredit

Unicredit ha diffuso una nota in cui sono specificate le decisioni adottate in relazione all’aumento di capitale. Come già previsto da alcuni analisti, la ricapitalizzazione decisa dalla big del settore bancario avrà un ammontare massimo pari a 13 miliardi di euro. L’aumento di capitale sarà interamente garantito “da un consorzio formato da primarie banche internazionali che hanno sottoscritto un pre-underwriting agreement ai sensi del quale si sono impegnate – subordinatamente a condizioni in linea con la prassi di mercato per operazioni analoghe – a sottoscrivere un underwriting agreement avente per oggetto la sottoscrizione delle nuove azioni eventualmente non sottoscritte all’esito dell’asta dei diritti inoptati, fino a concorrenza di 13 miliardi di euro”.

Contestualmente all’aumento di capitale, Unicredit lancerà anche una svalutazione di asset e crediti per complessivi 12,2 miliardi. Questa operazione sarà lanciata nel quarto trimestre del 2017 parallelamente alla cartolarizzazione di 17,7 miliardi di sofferenze. La cessione degli Npl avverrà nel corso dell’implementazione del piano strategico. Nel complesso la strategia di Unicredit punta ad abbassare il livello di rischio.

L’aumento di capitale e la cessione degli Npl (uniti ad una politica stringente su dividendo e esuberi di cui riferiremo a parte) sono elementi integranti di un piano industriale che punta a ottenere nel 2019 un utile pari a 4,7 miliardi di euro, un rapporto tra costi e ricavi inferiore al 52%, un ritorno sul capitale tangibile al 9%, un costo del rischio di 49 punti base e un Cet1 fully loaded superiore al 12,5%.

Ovviamente il piano industriale Unicredit passerà ora al vaglio dei mercati. Specifichiamo, comunque, che la maggior parte degli analisti si attendeva numeri molto simili. Ricordiamo, per finire, che, nell’ambito del piano di risanamento e rilancio della big voluto dall’Ad Mustier, ieri Unicredit ha ufficializzato la cessione di Pioneer ai francesi di Amundi (Unicredit cede Pioneer a Amundi: prezzo e dettagli della cessione).

 

0 Commenti
 

Commenti

Per inviare un commento devi fare il login.