Aumento capitale UBI Banca: cosa conviene fare? Consigli e previsioni degli analisti

Raffica di giudizi positivi e di inviti ad aderire all'aumento di capitale di UBI Banca da parte di molti analisti. A Piazza Affari, UBI Banca è intanto maglia rosa

di Enzo Lecci, pubblicato il
Raffica di giudizi positivi e di inviti ad aderire all'aumento di capitale di UBI Banca da parte di molti analisti. A Piazza Affari, UBI Banca è intanto maglia rosa

Secondo giorno di aumento di capitale per Ubi Banca. L’operazione, come evidenziano i dati sull’andamento di azioni e diritti, sta procedendo nel migliore dei modi a conferma che conviene aderire all’aumento di capitale. Per avere un’idea del riscontro positivo che l’aumento di capitale di Ubi Banca sta incontrando, è sufficiente tenere in considerazione un solo dato: il titolo Ubi Banca è oggi maglia rosa del Ftse Mib con un rialzo del 4,82% a quota 3,656 euro per azione. Grazie alla progressione di oggi, che si va a sommare al balzo in avanti di ieri, la performance di Ubi Banca nell’ultimo mese è passata in positivo e ora evidenzia una progressione dell’1%.

Per conoscere i dettagli dell’aumento di capitale di Ubi Banca si legga: Aumento capitale UBI Banca: prezzo, sconto TERP e condizioni definitive

Fin qui abbiamo riportato i numeri ma cosa pensano gli analisti dell’operazione di ricapitalizzazione? Il giudizio degli esperti è essenziale in quanto può aiutare gli investitori a capire se l’aumento di capitale di Ubi Banca conviene davvero. In generale, il giudizio degli esperti è molto positivo.

Più nel dettaglio, Equita, che ha alzato il rating su Ubi Banca da hold a buy, ritiene che “il mercato non ha scontato gli effetti sulla valutazione: +10% e sull’utile: +42% dell’acquisizione delle bridge bank che implicano un ritorno sull’investimento del 47%” Stando alle previsioni della sim milanese, Ubi Banca nei prossimi tre anni dovrebbe centrare un “Cet1 al 13,5% nel 2019 rispetto all’11,3% del primo trimestre 2017”.

Indicazione di acquisto (rating buy) anche da parte degli esperti di Banca Imi che hanno ricordato che gli sconti sul Terp per gli aumenti di capitale di Unicredit e di Banco Popolare, a loro tempo, erano stati molto più alti rispetto al 26,1% previsto da Ubi Banca.

Per Banca Akros (rating su Ubi Banca a neutral) lo sconto sul Terp moldo modesto è sintomatico della “fiducia che gli investitori risponderanno positivamente nonostante le incertezze del quadro politico”. Per finire, secondo Kepler Cheuvreux (rating Ubi Banca buy), il fatto che lo sconto sul Terp è solo del 26%, “sotto il 35/40% delle recenti ricapitalizzazioni nel settore”, suggerisce di sottoscrivere l’aumento di capitale da 400 milioni di euro che è stato lanciato da Ubi Banca per realizzare l’acquisizione delle tre good banks Nuova Banca delle Marche, Nuova Banca dell’Etruria e del Lazio e Nuova Cassa di Risparmio di Chieti.

Argomenti: Aumento capitale Ubi Banca, col_Rullo, Ubi Banca

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.