Aumento capitale Popolare Emilia Romagna, vediamo le condizioni

Il cda della Popolare dell'Emila Romagna ha fissato le condizioni dell'aumento di capitale. Le azioni saranno emesse a 5,14 euro ciascuna, incluso il valore del sovrapprezzo.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il

Condizioni aumento capitale BperIl cda della Popolare dell’Emilia Romagna ha fissato le condizioni per l’esercizio dell’aumento di capitale da 750 milioni di euro. Le nuove azioni saranno emesse fino a un quantitativo massimo di 145.850.334 e ad un prezzo cadauno di 5,14 euro, di cui 3,00 euro di valore nominale e 2,14 euro di sovrapprezzo e per un controvalore massimo, come dicevamo, di 749.670.717 euro.

Le azioni saranno emesse nel rapporto di 7 per ogni 16 azioni ordinarie esistenti. Il prezzo di sottoscrizione risulta, quindi, a sconto del 26,5% sul Terp (“Theoretical ex right price”), rispetto al valore di chiusura del titolo nella seduta del 19 giugno, pari a 7,8005 euro.

L’aumento inizierà il prossimo 23 giugno e si concluderà il 18 luglio, mentre i diritti saranno negoziabili dal 23 giugno all’11 luglio.

Nell’ambito del consorzio di garanzia, Citigroup, JP Morgan e Mediobanca agiranno come Joint Global Coordinators e Joint Bookrunners. Barclays, Credit Suisse, Deutsche Bank, Hsbc e Société Générale agiranno in qualità di Joint Bookrunners.

Gli istituti di cui sopra si sono impegnati a sottoscrivere le azioni rimaste invendute, senza alcun vincolo di solidarietà tra di loro, in rapporto ai diritti eventualmente rimasti inoptati.

 

APPROFONDISCI – Aumento capitale BPER: focus sul prezzo. Ecco le ultime previsioni

 

Argomenti: Borsa Milano, BPER Banca