Aumento capitale Banco Popolare: conclusa l’offerta dei diritti in opzione non esercitati

Sono stati venduti tutti i n. 1.519.668 diritti non esercitati nel corso del periodo di opzione

di Enzo Lecci, pubblicato il

Arriva la parola fine per l’aumento di capitale di Banco Popolare. Si è infatti conclusa in anticipo l’offerta in Borsa dei diritti di opzione non esercitati. Ecco il comunicato stampa integrale diffuso dalla quotata scaligera.

Facendo seguito al comunicato del 17 aprile 2014, Banco Popolare comunica che sono stati venduti tutti i n. 1.519.668 diritti non esercitati nel corso del periodo di opzione (i “Diritti”) riguardanti la sottoscrizione di n. 1.435.242 azioni ordinarie di nuova emissione Banco Popolare – Società Cooperativa (le “Azioni”)rivenienti dall’aumento di capitale.Pertanto, l’esercizio dei Diritti acquistati nell’ambito dell’offerta in borsa econseguentemente la sottoscrizione delle relative Azioni dovranno essere effettuati, apena di decadenza, entro e non oltre il terzo giorno di borsa aperta successivo aquello di comunicazione della chiusura anticipata, e quindi entro il 29 aprile 2014.I Diritti saranno messi a disposizione degli acquirenti tramite gli intermediariautorizzati aderenti al sistema di gestione accentrata di Monte Titoli S.p.A. e potrannoessere utilizzati per la sottoscrizione delle Azioni, al prezzo di Euro 9 cadauna, nelrapporto di n. 17 Azioni ogni n. 18 Diritti.Si ricorda che il buon esito dell’aumento di capitale è garantito da Mediobanca –Banca di Credito Finanziario S.p.A. e UBS Investment Bank in qualità di Joint GlobalCoordinators e Joint Bookrunners, Banca IMI, BofA Merrill Lynch, BNP PARIBAS,Nomura e UniCredit Corporate & Investment Banking, quali Joint Bookrunners, BBVA, Banco Santander, Commerzbank, Crédit Agricole CIB, HSBC, ING Bank, Natixis,Société Générale e VTB, quali Co-Bookrunners, e ABN AMRO, Banca Akros, EquitaSIM, RBC e Keefe, Bruyette & Woods, in qualità di Co-Lead Managers, che si sonoimpegnati, disgiuntamente tra loro e senza vincolo di solidarietà, a sottoscrivere – acondizioni e termini usuali per tale tipologia di operazioni – le Azioni che nondovessero essere sottoscritte dopo l’offerta in Borsa. 

Argomenti: Banco Popolare, Borsa Milano