Apertura Wall Street positiva: tengono banco i sequester

Dati macro contrastanti ma gli indici restano positivi. Preoccupazione sui tagli alla spesa pubblica

di Carlo Robino, pubblicato il

Ad alcuni minuti dall’apertura di Wall Street gli indici sono tutti in leggero rialzo. Il Dow Jones segna un +0,14%, 19 punti, a quota 13.921, il Nasdaq avanza dello 0,17%, 5 punti, a quota 3.135 mentre l’S&P 500 sale dello 0,20%, 3 punti, a 1.500. Il dato sugli ordini di beni durevoli ha indicato un calo a gennaio maggiore di quello delle attese mentre le vendite di abitazioni in corso hanno mostrato a gennaio una crescita del 10,4% su base annua (+4,7% a dicembre) battendo le previsioni degli analisti (+8,2%). Intanto sullo sfondo rimane sempre la discussione sui tagli automatici alla spesa pubblica (sequester). Per Eric Cantor, leader di maggioranza alla Camera controllata dai Repubblicani, il dibattito parlamentare non verra’ risolto entro la scadenza del primo marzo prossimo. Gli investitori Usa guardano anche all’atteso discorso di Ben Bernanke che parlerà nel suo secondo giorno di testimonianza al Congresso. 

Argomenti: Borsa USA