Apertura Borsa Milano: MPS e Banco Popolare soffrono, Ftse Mib subito giù

Tanti gli spunti al rientro dalle vacanza pasquali. Va in rosso anche Eni in scia al downgrade di UBS

di Enzo Lecci, pubblicato il

Borsa Milano chiusuraApertura di contrattazioni all’insegna delle vendite per la borsa di Milano. Dopo la lunga pausa pasquale, l’Ftse Mib ha avviato la prima seduta settimanale di scambi colorandosi subito di rosso. Il paniere di riferimento della borsa italiana, infatti, sta lasciando sul terreno lo 0,8% a 21.443 punti. Ad appesantire Piazza Affari sono almeno due specifici titoli del settore bancario oltre allo stacco dei dividendi da parte di alcune importanti quotate (per il dettaglio si legga: dividendi 2014: l’agenda di martedì 22 aprile).

Tra i bancari maggiormente in difficoltà ci sono Banco Popolare e Monte dei Paschi di Siena. La quotata scaligera sta lasciando sul terreno il 2,4%. Domani la banca veronese avvierà l’offerta dei diritti inoptati dell’aumento di capitale da 1,5 miliardi di euro. Decisamente rossa che MPS che in avvio di scambi sta lasciando sul terreno il 2,06%. Si tratta della prima reazione dei mercati a seguito della decisione di venerdì di varare un aumento di capitale da 5 miliardi di euro (Aumento capitale MPS slitta a giugno. Fondazione pronta a partecipare).

A parte MPS e Banco Popolare, le vendite stanno anche interessando le big del settore: Intesa Sanpaolo e Unicredit. La prima sta cedendo lo 0,8% mentre va leggermente meglio a Piazza Cordusio che lascia sul parterre “solo” lo 0,75%. Le due prime della classe del settore bancario italiano insieme ad Alvarez & Marsal e Kkr hanno firmato un memorandum of understanding “per sviluppare e realizzare insieme una soluzione innovativa finalizzata a ottimizzare le performance e massimizzare il valore di un selezionato portafoglio di crediti in ristrutturazione attraverso la gestione attiva degli asset e l’apporto di nuove risorse finanziare” (Intesa e Unicredit verso bad bank comune: crediti per 133 miliardi).

Al di fuori del comparto che più caratterizza l’Ftse Mib, segnaliamo anche il leggero rosso di Eni che perde l’1,2% in scia al downgrade di UBS (Eni: Ubs abbassa il Rating a Neutral).

Argomenti: Borsa Milano