Apertura Borsa Milano: Mediaset e Fiat ok, crolla Finmeccanica

nell'attesa per l'asta dei titoli di stato italiani e l'Ifo tedesco, Piazza Affari apre in modo positivo. Snam debole dopo la trimestrale

di Carlo Robino, pubblicato il

Apertura di contrattazioni positiva per la Borsa di Milano che almeno fino alla pubblicazione dell’Ifo tedesco (Calendario macroeconomico oggi 24 aprile) dovrebbe mantenersi ben intonata. Rimane viva l’aspettativa di un taglio dei tassi d’interesse da parte della Bce e così lo spread Btp-Bund si mantiene al di sotto dei 270 punti base. Mentre si attende che Giorgio Napolitano indichi il nome del nuovo capo del governo, il Tesoro italiano da qui fino a lunedì sarà impegnato in tre collocamenti di titoli di stato pluriennali. Oggi è previsto l’asta di CTz a due anni e di BTp indicizzati all’inflazione dell’Eurozona con scadenza settembre 2023. Tornando a Piazza Affari, nei primi minuti di negoziazioni spicca il balzo di Mediaset che guadagna quasi il 3%. Secondo alcune indiscrezioni il Biscione dovrebbe registrare un importate flusso di cassa netto nella prima parte del 2013 che potrebbe utilizzare per tagliare il debito fino a 100 milioni di euro. Fa ancora meglio Fiat (+3,55%) anche qui su indiscrezioni stampa che parlano dell’imminente concessione di un finanziamento bancario finalizzato all’acquisto di quote Chrysler. Meno impetuosi rispetto a ieri gli acquisti sul fronte bancario, si registra la debolezza di Snam (-0,98%) dopo latrimestrale negativa (Trimestrale Snam, utile -11,7% e ricavi stabili) e il calo di BPM (-1,64%) che vede uscire dal suo board altri tre consiglieri. Crolla Finmeccanica (-3%) che, assestata sul fondo del Ftse Mib, paga le deboli performance registrate nel 2012 (Dividendo Finmeccanica 2013 non riconosciuto, Ebitda 2012 positivo). Su questo quadro il Ftse Mib avanza dello 0,67% a 16.600,88 punti.

Argomenti: Borsa Milano, FCA, Mediaset