Apertura Borsa Milano: crollano Seat Pagine Gialle e Moncler

Ftse Mib in leggero calo nonostante la buona intonazione delle banche

di Enzo Lecci, pubblicato il

borsa milano 3Apertura all’insegna del ribasso per la Borsa di Milano e per le principali piazze europee. A Piazza Affari, a circa mezzora dall’avvio delle contrattazioni, l’indice Ftse Mib sta facendo segnare un calo dello 0,21%. L’atmosfera che si respira sui mercati è la stessa dei giorni scorsi. Ieri il premier Matteo Renzi ha ottenuto la fiducia al Senato e oggi sarà la volta dell’esame da parte della Camera dei Deputati. Sui numeri a sostegno del nuovo governo non sembrano esserci dubbi ma gli investitori hanno dato l’impressione di essere già passati ad una seconda fase: quali saranno i primi provvedimenti del nuovo governo?

In questo contesto, la seduta odierna di Piazza Affari potrebbe essere movimentata dall’esito dell’asta di CTZ e Btp indicizzati all’inflazione (Domani in Borsa: risultati 2013 di Prysmian e Sogefi).

Tra i titoli più interessanti in avvio di scambi segnaliamo Moncler, Seat Pagine Gialle e Banca Popolare di Milano. Le prime due stanno lasciando sul terreno molti punti mentre BPM è in progressione dell’1,5% grazie all’upgrade di Equita che ha portato il rating sulla banca lombarda a buy (Banca Popolare di Milano: Equita porta il Rating a Buy, target price alzato a 0.64).

Ma focalizziamoci sulle ultime due della classe di questo avvio di seduta. Moncler sta lasciando sul terreno il 3,51% in scia alla pubblicazione dei conti 2013. La società ha mandato in archivio il suo primo anno di quotazione a Piazza Affari con ricavi in aumento del 19% e un utile netto normalizzato a +17% rispetto alla fine del 2012 (per tutti i “numeri” di Moncler si veda:Moncler chiude il 2013 in crescita, trainata da America e Asia).

Per quanto riguarda Seat Pagine Gialle, invece, la conferma a D del rating di lungo termine da parte di Standard and Poor’s sta provocando una massiccia ondata di vendite sulla quotata gialla (Seat Pagine Gialle: S&P conferma il default e ritira i rating).

 

 

Argomenti: Borsa Milano