Apertura Borsa di Milano debole: banche contrastate

La soluzione pro-tempore di Napolitano per superaro lo stallo politico italiano sembra convincere i mercati. Spread in netto ribasso

di Carlo Robino, pubblicato il

Apertura prudente per la Borsa di Milano che dopo il lungo week end pasquale vede una nuova fase dello stallo politico interno. Venerdì scorso il Capo dello Stato dopo un ulteriore giro di consultazioni ha deciso di favorire l’incontro delle posizioni – al momento inconciliabili delle forze politiche  contrapposte – selezionando dieci saggi che dovranno fornire pareri su tematiche istituzionali e sulle priorità economiche del Paese. Questa soluzione pro-tempore sembra convincere i mercati, infatti lo spread in questo momento è sceso sotto quota 350 punti. Nei primi scambi spiccano gli acquisti sui titoli bancari che sostengono l’andamento del Ftse Mib. In questo momento si segnalano rialzi su Bper, Ubi Banca e Unicredit. Fioccano invece le vendite su Monte dei Paschi che ha aperto in ribasso del 5%. L’istituto senese giovedì scorso ha reso noti i conti 2012, fortemente penalizzati da molte componenti straordinarie (Dividendo MPS 2013 non riconosciuto, profondo rosso nel 2012). Su questo quadro il Ftse Mib cede lo 0,10% a  15.338,72 punti.

Argomenti: Borsa Milano, Monte Paschi Siena