Finmeccanica, azionisti bocciano requisiti onorabilità del governo Renzi

di , pubblicato il

Tesoro bocciato anche da azionisti FinmeccanicaL’assemblea degli azionisti di Finmeccanica ha iniziato a riunirsi stamattina per approvare il bilancio 2013, nominare il nuovo cda e provvedere alla modifica di alcune norme dello statuto societario. E’ presente il 69,9% del capitale, tra cui il Tesoro con il 30,2%, Deutsche Bank Americas con il 3,6%, Fmr con il 2,1%, Libyan Investment Authority con il 2,01%.

Presente anche con una quota non rilevante ai fini della comunicazione alla Consob anche la Caisse des Depots et Consignations (la Cdp francese) con l’1,5%.

Tra i vari punti, all’ordine del giorno per l’assemblea nella parte straordinaria c’era la proposta del Tesoro di introdurre nello statuto i requisiti di onorabilità per i manager della società, che implicano, tra l’altro, l’obbligo delle dimissioni dalle cariche, nel caso di indagine da parte di una Procura. La proposta, fortemente sostenuta dal premier Matteo Renzi, è stata bocciata, in quanto non si è raggiunta la maggioranza dei due terzi del capitale, necessaria per modificare lo statuto.

Si tratta della seconda bocciatura in pochi giorni per il governo Renzi, che si era visto rimandare indietro la proposta anche dagli azionisti Eni. Un accadimento abbastanza indicativo dell’isolamento del Tesoro nelle compagini azionarie di cui è socio.

 

APPROFONDISCI – Eni divisa? Gli investitori esteri contro il governo Renzi

 

Nel caso di Finmeccanica, poi, la bocciatura ha un sapore quasi di sfida, se si pensa che a capo della società andrà presto l’ad uscente delle Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, che nelle scorse settimane ha avuto un battibecco pubblico con il premier sul taglio agli emolumenti dei manager pubblici.

Finmeccanica ha già pubblicato la prima trimestrale di quest’anno, esibendo conti in rosso per 12 milioni e una flessione dei ricavi del 4,9% su base annua.

Tra le buone notizie, invece, il calo del debito a 5,06 miliardi di euro. E la joint venture tra Finmeccanica e Airbus, ATR, ha annunciato di avere ottenuto ordini per la costruzione di oltre 100 velivoli nei primi 4 mesi dell’anno.

 

APPROFONDISCI – Finmeccanica va a picco nonostante i buoni auspici sui target 2014

 

 

Argomenti: ,