Aeroporto di Firenze stupisce tutti. L’OPA spinge gli acquisti

Aeroporto di Firenze guadagna oltre 20 punti percentuali a Piazza Affari

di , pubblicato il

Poderoso balzo in avanti di Aeroporto di Firenze che a metà mattinata sta facendo registrare una progressione del 21,9% in scia all’OPA lanciata da Cedicor. La raffica di acquisti su ADF è appunto da attribuire alla decisione di Aeroporti Holding di accettare l’offerta formulata da Cedicor avente ad oggetto l’acquisto di 3.017.764 azioni, rappresentative del 33,402% della società. Il prezzo su cui le parti si sono accordate è di 13,42 euro per azione.

Si ricorda che, a seguito del perfezionamento dell’operazione, l’acquirente dovrà promuovere un’offerta pubblica di acquisto obbligatoria totalitaria (OPA) sulla rimanente parte del capitale sociale di ADF.

 

Aeroporti Holding S.r.l., società controllata da SAGAT S.p.A. (gestore dell’aeroporto di Torino-Caselle, facente capo al fondo F2i – Fondo Italiano per le Infrastrutture) e partecipata da Equiter S.p.A. (Gruppo Intesa SanPaolo) e Tecnoinvestimenti (riconducibile al sistema delle Camere di Commercio italiano), annuncia l’accordo con Cedicor S.A., società controllante di Corporacion America, Gruppo multinazionale argentino leader nel business aeroportuale, per la cessione di tutte le sue n. 3.017.764 azioni rappresentative del 33,402% del capitale sociale di Aeroporto di Firenze – ADF S.p.A. In data 26 febbraio 2014 Aeroporti Holding ha accettato l’offerta di acquisto formulata da Cedicor. Il prezzo pattuito è di Euro 13,42 per azione.

L’accordo odierno rappresenta un’intesa tra due primari operatori del settore impegnati nello sviluppo strategico dei principali scali italiani attraverso investimenti mirati alla valorizzazione di lungo periodo, alla crescita del flusso di passeggeri, all’ampliamento del traffico aereo e al rinnovamento delle infrastrutture esistenti.

L’operazione non è subordinata ad alcuna condizione e il closing è fissato in data 4 marzo 2014.

A seguito del perfezionamento dell’operazione, l’acquirente dovrà promuovere un’offerta pubblica di acquisto obbligatoria totalitaria sulla rimanente parte del capitale sociale di ADF ai sensi dell’art. 106 comma 1 del D. Lgs. N. 58 del 1998.

Argomenti: ,