Acea: Cda approva Piano Industriale 2018-2022

Acea, piano positivo sostiene titolo in borsa. Previsti investimenti per 3 miliardi e dividendi in aumento

di , pubblicato il
Acea, piano positivo sostiene titolo in borsa. Previsti investimenti per 3 miliardi e dividendi in aumento

Il Consiglio di Amministrazione di Acea, presieduto da Luca Lanzalone, ha approvato oggi il Piano Industriale 2018-2022. In un contesto di rapida evoluzione in tutti i settori industriali in cui opera il Gruppo, Acea ha identificato le fondamenta e gli obiettivi strategici su cui basare il proprio percorso di crescita attraverso il Piano Industriale 2018-2022. Un Piano di forte discontinuità che prevede un deciso potenziamento degli investimenti infrastrutturali sia nel settore idrico sia in quello elettrico

Obiettivi di Piano 
• 3 Mld di Euro di investimenti infrastrutturali, di cui 400 mln legati a progetti di innovazione tecnologica
• Crescita media annua dell’EBITDA pari al 6% con raggiungimento di 1 Mld di Euro al 2020 e superamento di 1,1 Mld di Euro al 2022
• Dividendi in aumento: 0,7 Mld di Euro distribuibili nell’arco di piano, con pay-out sempre superiore al 50%
• Controllo dell’indebitamento di Gruppo con rapporto PFN/EBITDA in riduzione fino a 2,8x nel 2022
• Performance Improvement per sostenere la crescita attraverso l’efficienza operativa con risparmi su costi e investimenti di 300 mln di Euro nell’arco di piano

Sintesi target economico finanziari

201720202022
EBITDA (mln di Euro)8321.0021.108
RAB (mld di Euro)3,23,84,1
PFN/EBITDA3,0x2,9x2,8x

L’Amministratore Delegato di ACEA, Stefano Donnarumma, ha commentato: “ACEA è un gruppo industriale che deve e vuole tornare alla sua originaria vocazione: gestire infrastrutture, renderle più resilienti e realizzarne di nuove sempre più performanti ed efficienti, cavalcare l’innovazione, praticare una sana disciplina finanziaria, coltivare una grande attenzione per l’ambiente e remunerare bene i propri azionisti.

Questi sono i pilastri del nostro piano. Le fondamenta sulle quali costruire il lavoro che ci attende.”

Argomenti: