A2A: ricavi preliminari 2013 in calo del 13%, bene il MOL

Si riduce di circa mezzo miliardo l'indebitamento netto di A2A alla fine del 2013

di Enzo Lecci, pubblicato il

a2aIl 2013 è stato un anno in chiaroscuro per A2A che oggi ha presentato i risultati preliminari. Nel complesso le indicazioni positive sono arrivate dal MOL e dall’indebitamento mentre la nota dolente riguarda i ricavi. Vediamo nel dettaglio:

 

Ricavi A2A – I “Ricavi” del Gruppo A2A sono stati pari a 5,6 miliardi di euro, in flessione del 13% rispetto ai 6,5 miliardi del 2012 sostanzialmente per effetto della decisione di contrarre l’attività di intermediazione di gas sui mercati all’ingrosso.

 

MOL A2A – Il “Margine Operativo Lordo”, pari a oltre 1,1 miliardi di euro, è risultato in crescita del 6% rispetto all’esercizio precedente. A tale andamento hanno contribuito i positivi risultati della Filiera Cogenerazione e Teleriscaldamento, della Filiera Reti e della Filiera Ambiente. Stabile il risultato della Filiera Energia grazie anche all’ottimo andamento dei risultati industriali della partecipata EPCG. La dinamica del Margine Operativo Lordo ha complessivamente beneficiato dei primi risultati positivi del piano triennale di efficienza operativa.

 

Indebitamento A2A – L’“Indebitamento Finanziario Netto” a fine 2013 è risultato inferiore a 3,9 miliardi di euro, in miglioramento di 0,5 miliardi di euro rispetto al 2012 (4,4 miliardi di euro) a seguito della positiva generazione di cassa attribuibile alla gestione operativa, nonché agli effetti positivi derivanti dalle operazioni straordinarie finalizzate nel corso del 2013 (cessione di cinque piccoli impianti idroelettrici ad acqua fluente e scissione non proporzionale di Edipower S.p.A.), pur in presenza di investimenti per circa 290 milioni di euro e dal pagamento dei dividendi per 81 milioni di euro. Il rapporto di indebitamento (debito netto/Ebitda) si attesta così a 3,4 (4,1 a fine 2012).

Argomenti: A2a, Borsa Milano, Trimestrali