Zone rosso scuro in Italia e la mappa europea delle restrizioni

Le Regioni italiane e i paesi europei che rischiano di finire nella zona rosso scuro.

di , pubblicato il
Zone rosso scuro

Mentre la paura delle nuove varianti spaventa l’Italia e fa pensare alla possibilità di un nuovo lockdown di qualche settimana, l’Europa sta ipotizzando le zone rosso scuro che riguardano anche il nostro paese. 

Le regioni che rischiano la zona rosso scuro

La presidente Ue Ursula Von der Leyen aveva parlato di restrizioni ancora più rigorose e della possibilità di imporre delle zona rosso scuro in cui sono presenti focolai virulenti: 

E’ necessario scoraggiare fortemente i viaggi non essenziali, evitando la chiusura delle frontiere o divieti di viaggio generalizzati e garantendo che il funzionamento del mercato unico e delle catene di approvvigionamento rimanga ininterrotto.

Grazie ad una simulazione effettuata dalla Ue, era emerso che in Italia sono tre le regioni che rischiano di finire nella zona ultra restrittiva ossia il Veneto, il Friuli Venezia Giulia e l’Emilia Romagna, oltre alla Provincia di Bolzano.

La proposta parte dal sunto che bisogna mantenere i confini aperti ma scoraggiare il più possibile i viaggi europei non necessari. Per poter quindi controllare il flusso di persone tra paesi Ue è nata questa ipotesi di istituire delle zone ancora più restrittive all’interno dei singoli paesi.

Zone che potrebbero essere dichiarate off limits, chi vorrebbe uscire o entrare da esse dovrebbe presentare un test negativo e sottoporsi alla quarantena. Le persone che invece tornano nel loro Stato di Residenza, dovrebbero essere autorizzate a effettuare un test dopo l’arrivo. 

Appena saputa la notizia i presidenti delle regioni interessate, Stefano Bonaccini, Luca Zaia e Massimiliano Fedriga, hanno dichiarato: 

Imporre ai cittadini delle nostre regioni l’obbligo di test e quarantena per poter viaggiare nell’Unione europea, così come previsto per le realtà colorate di ‘rosso scuro’, significherebbe penalizzare le amministrazioni che effettuano il maggior numero di tamponi e non, come sarebbe invece necessario, operare una valutazione su parametri epidemiologici oggettivi.

La mappa europea

Al momento la mappa delle zone rosso scuro a livello europeo è informale e contiene quelle zone con più di 500 contagi su 100mila abitanti. La nuova mappa sarà pubblicata nei prossimi giorni dopo le verifiche dell’Edcd. Intanto oltre alle zone italiane, nel mirino c’è praticamente tutta la Spagna, ad eccezione delle regioni del nord come Galizia o Paesi Baschi, e il Portogallo. Interessata anche tutta l’Irlanda, alcune zona del Sud e del Centro della Francia, parte della Germania, Repubblica Ceca, parte della Svezia, Paesi Baltici, Cipro e alcune zone dell’Europa centro-orientale.

Vedi anche: Coronavirus e viaggi in Europa limitati: arriva la zona rosso scuro

[email protected]

Argomenti: ,