Voli aerei: Wizz Air lancia rotte nazionali, così fa concorrenza a Ryanair e Alitalia

Wizz Air lancia delle rotte nazionali e fa concorrenza a Ryanair e Alitalia nonostante la crisi del settore aereo.

di , pubblicato il
Wizz Air lancia delle rotte nazionali e fa concorrenza a Ryanair e Alitalia nonostante la crisi del settore aereo.

Nonostante la crisi dei trasporti aerei e i voli dimezzati, le compagnie aeree stanno cercando di reggere il colpo anche per la stagione autunnale in arrivo, che potrebbe prospettarsi non del tutto rosea. Mentre Ryanair ha deciso di tagliare alcuni collegamenti a partire dall’autunno, Wizz Air, vuole puntare sul mercato nazionale dei voli e fare concorrenza proprio alla low cost irlandese e Alitalia. 

Nuovi collegamenti nazionali al via nonostante la crisi

Il vettore low cost ungherese ha inaugurato le nuove rotte da Milano Malpensa a Palermo e Catania, rotte che saranno attive dal 1 ottobre con due collegamenti al giorno e con un prezzo di lancio molto basso. Attualmente WizzAir gestisce 52 rotte in Lombardia. I collegamenti nazionali italiani vanno ad aggiungersi a quelli già attivi in Spagna, Austria, Grecia, Portogallo, Islanda, Europa Centro-Orientale e Nord Africa. Non tutto è oro quel che luccica per la compagnia a basso costo, infatti i sindacati hanno chiesto il rispetto delle norme relative ai dipendenti: “L’apertura di linee domestiche sul traffico nazionale, la accogliamo con favore: ma le iniziative di occupazione e sviluppo devono necessariamente partire dal presupposto del rispetto delle regole e delle leggi italiane. Nel caso di Wizz Air, si rende ineludibile da parte della compagnia il riconoscimento dei diritti e delle tutele dei lavoratori, applicando il Ccnl del trasporto aereo come riferimento minimo per tutti i suoi dipendenti basati in Italia, nonchè la salvaguardia delle libertà sindacali  ed il rispetto delle relative rappresentanze dei lavoratori“. 

Periodo critico per le compagnie aeree

Per le compagnie aeree, l’ultimo periodo è stato critico. Dall’inizio del lockdown a marzo, le perdite economiche hanno rappresentato un problema enorme, la stagione estiva sembrava aver migliorato le cose, anche se per tornare alla normalità bisognerà attendere almeno l’anno prossimo.

Ora le prospettive sembrano nuovamente incerte con la fine del periodo delle vacanze, l’aumento dei contagi e i viaggi di lavoro ancora ridotti all’osso.

Leggi anche: Voli e coronavirus: la strategia di Ryanair e le low cost per scacciare la crisi
[email protected]

Argomenti: ,