Voli aerei: dai voucher ai prezzi dei biglietti cosa sapere prima di partire

Bagaglio a mano vietato, prezzi dei voli non proprio low cost e la questione aeroporti fantasma e voli cancellati.

di , pubblicato il
Bagaglio a mano vietato, prezzi dei voli non proprio low cost e la questione aeroporti fantasma e voli cancellati.

L’estate 2020 sarà certamente ricordata per la questione voli aerei tra rincari e voli cancellati con voucher. Dopo molte segnalazioni giunte nelle ultime settimane da parte degli utenti, sembra che si stia andando verso una soluzione per quanto riguarda i voli aerei cancellati dopo pochi giorni dalla prenotazione, con le compagnie che invece di rimborsare in denaro usano offrire un voucher da utilizzare entro 1 anno. Enac ha così deciso di andare a fondo e sanzionare i vettori che usano questa pratica con la scusa del covid 19. 

Leggi anche: Voli aerei per l’estate altro che low cost: il caso dei voli fantasma e prezzi alti

Aeroporti fantasma, voli cancellati e prezzi non bassissimi

Si dovrebbe arrivare anche alla soluzione per la vendita di biglietti aerei dall’aeroporto di Milano Linate chiuso e con le incognite sulla riapertura. Molte compagnie infatti stavano vendendo biglietti da Linate nonostante lo scalo sia chiuso e non ci sono date certe sulla riapertura. In molti siti ufficiali delle compagnie si trovano voli da Linate a partire dal 15 luglio ma in realtà l’aeroporto non dovrebbe riaprire da quella data. 

Attenzione anche ai prezzi. Se è vero che molte compagnie stanno cercando di offrire tariffe low cost per riconquistare i passeggeri sfiduciati, è anche vero che per molte destinazioni particolarmente gettonate durante l’estate, anche italiane, le tariffe sono molto alte. In particolare sembra che i prezzi alti riguardano soprattutto destinazione italiane molto trafficate durante l’estate sia per i turisti che per i lavoratori che Nord tornano a Sud, parliamo di Palermo, Lamezia Terme, Catania, Bari, Cagliari etc. Per esempio partendo con Alitalia da Roma venerdì 3 luglio per Palermo un biglietto costa 250 euro solo andata che diventano 160 se si parte lunedì 6 luglio.

Sempre da Roma, un volo con Alitalia per Catania arriva a costare 280 euro solo andata per il 7 luglio, il meno caro è 160 euro. Il discorso non cambia molto guardando ad altre località come Cagliari dove addirittura per tutto il mese di luglio con Alitalia, partendo da Roma, sono disponibili solo tariffe per chi ha la continuità territoriale. Non cambia molto partendo da Milano Malpensa con Ryanair dove un biglietto per Lamezia il 7 luglio, o comunque date vicine, costa 145 euro solo andata, prezzi simili per volare a Comiso, Catania, Bari e altre destinazioni italiane gettonate dove mediamente tra andata e ritorno si spende minimo 200-250 euro a luglio, che diventano anche 300-350 per agosto.

Cosa sapere prima di prendere l’aereo

L’estate dei voli è caratterizzata anche dalla novità bagaglio a mano vietato in stiva. D’ora in avanti sarà vietato portare a bordo il bagaglio a mano che dovrà per forza essere caricato in stiva per non usare le cappelliere dell’aereo. Le nuove norme anti-covid prevedono che per evitare il più possibile che i passeggeri si alzino per prendere oggetti dal bagaglio riposto nella cappelliera questo andrà direttamente caricato in stiva mentre a bordo si potrà portare solo una piccola borsa da riporre sotto il sedile. I passeggeri dovranno anche essere sottoposti alla misurazione della temperatura prima di salire a bordo oltre che portare con sé un’ autocertificazione in cui si attesta di non essere stati a contatto con soggetti contagiati dal covid nei 2 giorni antecedenti la partenza, di non avere sintomi e di contattare le autorità sanitarie in caso di comparsa dei sintomi entro 8 giorni. 

Leggi anche: Voli cancellati e divieto di bagaglio a mano a bordo: cosa cambia d’ora in avanti

[email protected]

 

Argomenti: ,