‘Vivremo fino a 100 anni: come possiamo permettercelo?’ L’analisi economica del WEF, quale via d’uscita?

L'analisi davvero impietosa del WEF sul futuro economico dell'umanità: povertà generalizzata anche in Occidente. La cura proposta è peggio del male.

di , pubblicato il
L'analisi davvero impietosa del WEF sul futuro economico dell'umanità: povertà generalizzata anche in Occidente. La cura proposta è peggio del male.

Il World Economic Forum ha pubblicato un lungo documento dal titolo davvero impressionante: We’ll Live to 100 – How Can We Afford It?, cioè: Vivremo fino a 100 anni: come possiamo permettercelo? Si tratta di una riflessione a partire da alcuni dati sul futuro demografico dell’umanità e sull’invecchiamento costante della popolazione globale: chi nasce nel 1947 ha a tutt’oggi l’aspettativa di vita di 85 anni, chi è nato nel 1977 (la generazione successiva, grossomodo), può sperare di arrivare a 94 anni, gli ultimi nati, i millennials, supereranno i 100 anni. Si tratta di una buona notizia, dal punto di vista umano, ma dal punto di vista economico è una cattiva notizia: come gli Stati potranno sostenere economicamente questo esercito di persone anziane? È il capitalismo e la rappresentazione della sua crisi: la sostenibilità economica è la faccenda più importante che riguarda gli uomini.

Intanto, nel nostro paese – Benvenuti in Italia, giovani e bambini senza futuro: povertà, disagio e istruzione, i dati.

Verso l’impoverimento dell’Occidente? L’analisi del WEF

Per chi conoscesse l’inglese, potrebbe essere utile leggere direttamente il rapporto del WEF, che trovate a questo link. La conclusione è la seguente: nel 2050 mancheranno circa 400 milioni di miliardi di dollari per sostenere economicamente l’aumento della popolazione. Il tema è trattato secondo gli schemi del neoliberismo: gli Stati spendono troppo nell’assistenza agli anziani (e non solo, in generale anche per tutti gli altri servizi ai cittadini) e nel futuro difficilmente si potrà sostenere una situazione che evolverà rapidamente con l’accrescimento della popolazione e dei suoi bisogni. Le motivazioni di questa crisi economica, che dovrebbe esplodere tra trent’anni sono le seguenti:

  • i giovani, a causa della ‘flessibilità’ (cioè precarietà), guadagnano meno e, dunque, potranno mettere da parte pochi contributi per la propria pensione – ricordando che le tasse versate dai giovani sono impiegate anche per il pagamento delle pensioni agli anziani
  • inefficacia dei piani di costituzione di piani pensionistici privatizzati: si guadagna troppo poco per accantonare ulteriori fondi per il futuro pensionistico
  • poi, ci sarebbe l’analfabetismo finanziario: le persone non conoscono i meccanismi dell’economia e questo sarebbe un male – ma conoscendoli cosa potrebbe accadere? Certo il WEF non immagina una rivoluzione globale.

A proposito di precarietà – I ‘nuovi’ voucher: perché sono l’ennesima presa in giro agli italiani.

Le soluzioni del WEF: una presa in giro?

Al di là di quello che si pensa dell’umanità e della dignità della vita umana, al di là del rendimento economico, ecco quali sono le soluzioni immaginate dal WEF:

  • i privati devono stipulare contratti e forme di previdenza privata – ma il WEF non spiega una cosa o, per meglio dire, la spiega già ma in un determinato modo: se lo stesso WEF ha annunciato la difficoltà in questo senso a causa di carriere discontinue e contratti di lavoro con salari troppo bassi, chi potrà permettersela? Soltanto una élite: davvero poco convincente il fatto che un futuro lo debbano avere soltanto i ‘benestanti’, un ritorno al passato con gravi rischi ‘sociali’
  • la politica degli Stati dovrebbe portare a un taglio della previdenza e a un accrescimento delle tasse: cioè si dovrebbero pagare più tasse avere meno servizi.

Ecco come l’umanità viene governata – I mediocri hanno vinto e il regime si chiama Mediocrazia: un’analisi politica spietata.

Il rischio è la rivoluzione globale? Usciamo dall’utopia e rientriamo nella realtà

Una situazione del genere potrebbe diventare una bomba a orologeria per l’umanità. Si sa bene – e chi governa realmente (capitalismo economico e finanziario) lo sa ancora meglio – che una situazione del genere può creare forte malcontento e portare a un vero e proprio sommovimento: l’idea che soltanto una piccola parte della popolazione mondiale possa accedere a servizi previdenziali non potrà che scatenare malcontento soprattutto nel nostro Occidente. Quale soluzione per il globo? L’unica possibile – oltre ovviamente alla catastrofe – è una redistribuzione globale della ricchezza e l’accettazione di un’idea di decrescita. Ma anche questa, dato il funzionamento culturale del globo – sembra essere piuttosto un’utopia. Ed allora? La catastrofe, sempre che la Storia non ci insegni che il mondo possa essere ancora cambiato.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , , ,