Viaggi Italia ed estero: spostamenti dopo il nuovo Dpcm del 5 novembre

Spostamenti Italia-estero come funzionano gli spostamenti.

di , pubblicato il
Coronavirus, la seconda ondata colpo mortale per il turismo: a rischio 350mila lavoratori

Nel Dpcm che sarà in vigore dal 6 novembre, si trovano anche le nuove regole per viaggi e spostamenti da e per l’estero. La Farnesina continua a sconsigliare i viaggi all’estero in questo periodo, in ogni caso sono previste delle limitazioni verso alcuni paesi, dove è obbligatorio fare il tampone.

Spostamenti in Italia

Per quanto riguarda gli spostamenti in Italia, ricordiamo che nelle zone rosse o arancioni, è vietato spostarsi dal proprio Comune e Regione, tranne che per rientrare nel proprio domicilio o per motivi di salute, necessità, urgenza, studio o lavoro. Non ci si può quindi spostare da una regione gialla verso una regione arancione o rossa a meno di comprovati motivi. Gli spostamenti da una regione gialla possono avvenire solo da e verso un’altra regione posta nella fascia gialla. 

Viaggi all’estero

Per quanto riguarda i viaggi all’estero, sono ancora bloccati gli ingressi in Italia per chi nei 14 giorni precedenti ha transitato in: 

  • Kosovo
  • Kuwait
  • Macedonia del Nord
  • Moldova
  • Montenegro
  • Armenia 
  • Bahrein 
  • Brasile 
  • Cile
  • Colombia 
  • Bangladesh
  • Bosnia Erzegovina
  • Oman 
  • Panama
  • Perù
  • Repubblica Dominicana 

Gli ingressi e spostamenti in questi paesi sono consentiti solo in presenza di motivazioni specifiche, come lavoro, salute, studio, urgenza, abitazione e residenza. 

Per chi arriva in Italia da questi paesi è invece obbligatorio il tampone: 

Belgio, Francia e alcuni territori come  Guadalupa, Martinica, Guyana, Riunione, Mayotte, Olanda, Spagna, Repubblica Ceca, Regno Unito. E’ necessario compilare l’autocertificazione che dichiari di essersi sottoposti a tampone nelle 72 ore precedenti. 

Possono entrare in Italia anche per turismo i cittadini in arrivo da San Marino, Città del Vaticano, Paesi Ue e Schenghen non citati sopra tra cui anche  Groenlandia, le isole Svalbard e Jan Mayen, Gibilterra, Cipro, Azzorre, Madeira, Isola di Man, Far Oer.

 

Invece per chi si è recato nei 14 giorni precedenti in uno dei seguenti paesi vige la quarantena obbligatoria: 

  • Georgia
  • Giappone
  • Nuova Zelanda
  • Ruanda
  • Repubblica di Corea
  • Tailandia
  • Romania 
  • Australia 
  • Canada
  • Tunisia 
  • Uruguay

Vedi anche: Viaggi in Europa e coronavirus: Farnesina sconsiglia di spostarsi all’estero

[email protected]

Argomenti: ,