Vacanze, un’estate italiana: caos tra scioperi e cancellazioni ma gli utili delle compagnie aumentano

Partenze estive con scioperi e overbooking ma gli utili delle compagnie crescono.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Partenze estive con scioperi e overbooking ma gli utili delle compagnie crescono.

Estate calda per gli italiani, non solo dal punto di vista meteorologico. Mentre in questo fine settimana andrà in scena l’esodo da bollino nero sulle autostrade italiane, non se la passano bene neppure i passeggeri aerei. Da giugno ad oggi, come sottolinea anche La Stampa, sono stati cancellati mille voli in Europa causando disagi non indifferenti. E non sembra finita visto che tra venerdì 10 e sabato 11 agosto ci sarà l’ennesimo sciopero aereo di Ryanair che rischia di rovinare le vacanze a milioni di europei.

Estate tra scioperi e overbooking

Un tempo le partenze per le ferie debuttavano in maniera quasi sempre tranquilla, raramente si assistevano a fenomeni quali scioperi di massa o overbooking vari. Tempi andati verrebbe da dire. Oggi anche la vacanza sembra voler far rima con preoccupazioni e caos ancor prima di partire. Da giugno ad agosto, come dicevamo, sono stati cancellati mille voli, tra oggi e domani il fenomeno si ripeterà negli aeroporti con lo sciopero dei piloti Ryanair in Germania, Svezia, Irlanda e Belgio: voli cancellati, vacanzieri in fila per trovare una soluzione, attese di ore e magari nottate passate in aeroporto come era successo ad alcuni viaggiatori bloccati in Grecia a luglio, o a quei giovani studenti che dovevano partire per Lisbona e si sono trovati smarriti a Malpensa con il volo cancellato all’ultimo minuto.

A fine luglio la compagnia irlandese aveva scioperato per 2 giorni e anche in quel caso molti avevano saputo del volo cancellato il giorno stesso, mentre erano già in attesa di imbarcarsi. Una famiglia che doveva partire da Bologna aveva dovuto così forzatamente farsi tutto il viaggio in auto fino in Calabria. Casi non troppo isolati, altri passeggeri bloccati in aeroporto senza assistenza e addirittura alcuni senza vitto e alloggio pagato. Gli scioperi estivi però non sembrano essere l’unico problema di questa calda estate; c’è anche il fenomeno dell’overbooking ossia prenotazioni sovrapposte in cui qualcuno rischia di rimanere a terra. E’ accaduto a 177 passeggeri che dovevano imbarcarsi per Santorini da Venezia e sono rimasti a terra per overbooking, dovendo attendere il giorno dopo per partire.

Leggi anche: Voli aerei e la beffa del supplemento carburante: perché volare costa sempre di più

Enac avvia indagine

Tutti questi disagi hanno portato l’Enac ad avviare un’indagine per disservizi. Nel mirino ci sono, in particolare, Blue Panorama, Ryanair, Volotea e Vueling mentre Alitalia, nonostante il momento di stallo in cui sta vivendo, si è confermata una delle compagnie a non aver creato problemi in quanto a regolarità dei voli. Periodo nero invece per Ryanair. Tanti scioperi in questo ultimo periodo. Dopo quello del 25 e 26 luglio, altri due giorni di fuoco attendono i passeggeri in procinto a partire con la low cost irlandese. Piloti e assistenti di volo pretendono condizioni di lavoro migliori e hanno iniziato a ribellarsi proprio nei giorni più caldi. Nonostante tutto non solo il traffico aereo è in netto aumento, i passeggeri negli aeroporti sono cresciuti dell’’8,7% ma anche gli utili delle compagnie come Ryanair sono in crescita.

Leggi anche: Voli aerei: boom per le compagnie low cost, le strategie di Ryanair & Co che hanno rivoluzionato il modo di viaggiare

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Social media e internet