Uscita Grecia dall’Euro: l’apocalisse viaggia sul web

Dura presa di posizione della Commissione Europea: "non siamo sceneggiatori di film catastrofici"

di Enzo Lecci, pubblicato il
Dura presa di posizione della Commissione Europea:

L’approssimarsi delle elezioni in Grecia sta determinando un’accesa ripresa del dibattito sulle probabili conseguenze che potrebbero essere provocato uscita della Grecia dall’Euro, uno scenario che molti giudicano come inevitabile e a cui, con un’incoscienza tremenda, si guarda anche con favore. Il dibattito, fatto di rumors, analisi e pettegolezzi da parrucchiera, si era arrestato alcuni giorni fa, salvo poi riprendere in queste ultime ore, in scia alla vicinanza temporale delle elezioni ma anche alle recenti evoluzioni della situazione spagnola. Il maxipresito concesso dall’Europa alle banche iberiche infatti non solo non ha arrestato la speculazione ai danni del vecchio continente ma ha addirittura portato ad un intensificarsi dei timori sulla possibilità che l’Italia ben presto possa avere bisogno di un’aiuto per evitare di rifinanziarsi sul mercato ad un costo divenuto oramai enorme. Insomma tutti questi elementi stanno ridando fiato alle indiscrezioni su un presunto effetto domino che dovrebbe gettare nel baratro tutta l’Eurozona e in particolare i paesi periferici. In queste condizioni è chiaramente quasi inevitabile che i rumors sull’effetto dell’uscita della Grecia dall’Euro tornino in tutta la loro forza. E così oggi sono ritornate le voci sul presunto piano predisposto dall’Europa  nel caso in cui le elezioni greche siano vinte dal fronte anti-europeista. Si è tornato così a parlare di blocco delle frontiere e stop dei movimenti di capitale. Dianzi a queste voci c’è da segnalare l’equilibrata presa di posizione dell’Europa. Da Bruxelles infatti le autorità comunitarie hanno fatto sapere di “non essere sceneggiatori di film catastrofici” e che qualcosa di più chiaro sul futuro della Grecia si potrà sapere dopo i colloqui che saranno avviati tra il nuovo governo greco e l’Europa, fermo restando che la fluidità della situazione rende necessaria la preparazione a qualsiasi scenario.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economie Europa