Ue, i conti dell’Italia preoccupano: rischio manovra correttiva a maggio

Il presagio della Commissione europea sulle ultime misure adottate dal governo Conte avverte sui rischi a cui potrebbe andare incontro il Paese.

di , pubblicato il
Il presagio della Commissione europea sulle ultime misure adottate dal governo Conte avverte sui rischi a cui potrebbe andare incontro il Paese.

Dall’Unione Europea arriva un’altra bocciatura per l’Italia. A preoccupare la Commissione europea sono i conti del bilancio nazionale, peggiorati rispetto al recente passato. Dopo l’accordo di fine anno con l’Ue, la posizione critica europea rispetto ai conti pubblici italiani non è cambiata di una virgola. Tanto che il nostro Paese viene equiparato a Grecia e Cipro, in riferimento al tema sull’instabilità macroeconomica. Di fatto, la Commissione europea addossa all’Italia una parte della colpa per il rallentamento nell’economia che ha investito l’intera area Ue nel corso degli ultimi mesi. I motivi sono sempre gli stessi.

I conti dell’Italia preoccupano

Stando al dettagliato rapporto del giornalista Beda Roma del Sole 24 Ore, l’Unione Europea punta il dito sulle “recenti misure che rivedono elementi di precedenti riforme”. Tra queste, impossibile non fare riferimento alla riforma pensioni Fornero, da sempre fiore all’occhiello per il governo Monti e per l’Ue, meno (per usare un eufemismo) per i cittadini e pensionati italiani. Nell’ultima legge di Bilancio, il governo di Movimento 5 Stelle e Lega Nord ha introdotto la quota 100, una nuova possibilità per i lavoratori di accedere alla pensione al fine di superare la legge Fornero. Non senza critiche da parte dell’Unione Europea, palesate di nuovo nel corso dell’ultimo documento critico nei confronti dell’Italia.

Il presagio della Commissione europea sulle ultime misure adottate dal governo Conte avverte sui rischi a cui potrebbe andare incontro il Paese: “Le recenti misure peseranno negativamente sulla sostenibilità delle finanze pubbliche, sulla produttività e – conclude la Commissione Ue – sulla crescita del prodotto interno lordo potenziale”. Un ammonimento durissimo da parte dell’Unione Europea che, come spiegato prima, associa l’economia del Paese italiano a quella della Grecia e di Cipro.

Come dire che il 90 per cento dei Paesi europei fanno meglio dell’Italia, incluse la Spagna e il Portogallo. Se non fosse già chiaro abbastanza, il vice commissario Dombrovskis aggiunge: “Il danno provocato dall’incertezza del governo italiano per quanto riguarda la sua politica di bilancio ha provocato una frenata dell’economia”.

Si attende maggio

A questo punto, si attende il mese di maggio per conoscere le nuove stime economiche della Commissione europea, le quali segneranno un viatico importante in merito alla necessità o meno di una manovra correttiva da parte del governo italiano. A fine maggio sarà la volta anche delle elezioni europee, che potrebbero determinare una rivoluzione in seno all’Europa e all’interno della stessa Commissione.

Leggi anche: Debito pubblico e austerità differenziata, ecco come valutare i conti pubblici con intelligenza

Argomenti: , ,