Troppe tasse, giù risparmi e potere dʼacquisto: l’allarmante fotografia dell’Istat

Famiglie italiane in ginocchio: secondo l'Istat l’anno nuovo è iniziato con l’aumento della pressione fiscale e la diminuzione del potere d'acquisto delle famiglie.

di , pubblicato il
Famiglie italiane in ginocchio: secondo l'Istat l’anno nuovo è iniziato con l’aumento della pressione fiscale e la diminuzione del potere d'acquisto delle famiglie.

Nuovi dati dell’Istat che confermano come l’anno nuovo sia iniziato con l’aumento della pressione fiscale, scendono anche i risparmi e il potere di acquisto delle famiglie italiane. Secondo i dati Istat, la pressione fiscale è arrivata al 40% nel terzo trimestre del 2018, aumentando dello 0,1%.

La fotografia dell’Istat

Nel rapporto trimestrale delle Amministrazioni pubbliche viene segnalato il peso delle tasse sempre più stringente, soprattutto se accostato al risparmio, al reddito familiare e al potere d’acquisto delle famiglie.

Nonostante il reddito disponibile dei nuclei familiari è aumentato dello 0,1% sembrano cresciuti dello 0,3% anche i consumi che rendono dunque nulli i risparmi degli italiani. Proprio il risparmio delle famiglie, durante il terzo trimestre del 2018, è calato dello 0,2%. Considerando la variazione dello 0,3% del deflatore implicito dei consumi, il potere d’acquisto delle famiglie è calato dello 0,2%.

Potere d’acquisto delle famiglie in calo

Secondo il Codacons: “La diminuzione del potere d’acquisto delle famiglie italiane è un segnale pericoloso perché ha effetti negativi sui consumi e sull’economia nazionale. I nostri timori su un peggioramento delle condizioni economiche dei consumatori trovano conferma nei numeri diffusi oggi dall’Istat, i consumi permangono in fase di stallo con una crescita inconsistente del +0,3%, mentre il reddito disponibile segna un misero +0,1%. per gli acquisti i consumatori devono quindi attingere ai risparmi, che non a caso risultano in calo del -0,2%” ha commentato il presidente Carlo Rienzi, che continua spiegando che “Un quadro negativo deve portare il governo a lavorare per introdurre misure in grado di aumentare realmente il potere d’acquisto dei cittadini e avere effetti positivi sui consumi ancora del tutto insoddisfacenti”.

Ti potrebbe interessare anche: Un italiano su quattro a rischio povertà: la triste mappa dell’Istat in cifre

Anche per Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori: “Fino a che il potere d’acquisto peggiora ed i redditi restano al palo, è chiaro che i consumi non potranno ripartire come servirebbe per rilanciare la crescita e si resterà agli zero virgola. Inoltre, dato che i risparmi non si possono sacrificare a lungo, il rischio che si torni in territorio negativo è dietro l’angolo”.

I dati Istat mostrano che nel  terzo trimestre del 2018  la pressione fiscale è stata pari al 40,4% del Pil mentre il rapporto deficit/Pil è stato segnalato all’1,7%, in miglioramento rispetto al trimestre precedente. Interessanti anche i dati sulla spesa per interessi aumentata di circa 1,7 miliardi per l’effetto spread.

Leggi anche: Prodotto interno lordo: il divario tra Nord e Sud in cifre, la fotografia dell’Istat

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,