Top 10 criptovalute: terremoto Cardano, conferma Ripple

Cardano si starebbe muovendo per la creazione di un nuovo sistema di crittografia, basato sui concetti di flessibilità e democrazia.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Cardano si starebbe muovendo per la creazione di un nuovo sistema di crittografia, basato sui concetti di flessibilità e democrazia.

Il mercato delle criptovalute potrebbe essere sconvolto nei prossimi mesi da Cardano, una valuta digitale di cui si dice un gran bene da molti mesi. Che Cardano sia una delle nuove realtà più interessanti all’interno dell’universo delle criptomonete non lo scopriamo certo oggi, dal momento che se ne erano accorti a inizio febbraio anche quelli dell’agenzia di rating Weiss, i quali avevano assegnato a Cardano una confortante lettera B, una delle valutazioni più alte se consideriamo le “pagelle” di Weiss. Stando alle ultime indiscrezioni, gli sviluppatori di Cardano avrebbero trovato il modo di avvantaggiarsi su Bitcoin e Ethereum dal punto di vista dell’efficienza della tecnologia che sta alla base della blockchain.

Conferma Ripple

Al giorno d’oggi, è innegabile che le maggiori criptovalute, tra cui appunto Bitcoin e Ethereum, abbiano difficoltà in particolar modo nella flessibilità, vale a dire nella sempre più accentuata lentezza delle transizioni e nei loro costi. Cardano si starebbe muovendo in maniera consapevole per la creazione di un nuovo sistema di crittografia, basato essenzialmente sui concetti di flessibilità e democrazia. Principi, questi, dirompenti, che potrebbero far fare il salto di qualità a una delle monete virtuali più lungimiranti all’interno della classifica di coinmarketcap.com.

A proposito di lungimiranza, non si può non citare Ripple, non tanto per l’asset digitale (vale a dire gli XRP), quando per la tecnologia, che trova sempre più estimatori in giro per il mondo. L’ultimo cliente, in ordine cronologico, di Ripple è Feector Techonologies, un’azienda che si occupa di carte di carburante e partner già di diverse società del mondo petrolifero. Feector Techonologies ha deciso di puntare sull’asset digitale degli XRP.

La classifica aggiornata ad oggi 2 marzo 2018

  1. Bitcoin $10.775,00 (+2,09%)
  2. Ethereum $869,13 (-0,18%)
  3. Ripple $0,930148 (+0,99%)
  4. Bitcoin Cash $1.289,38 (+5,59%)
  5. Litecoin $213,28 (+2,15%)
  6. NEO $128,92 (-5,35%)
  7. Cardano $0,304226 (-3,79%)
  8. Stellar $0,339349 (-1,32%)
  9. EOS $8,46 (-2,37%)
  10. IOTA $1,96 (+2,46%)

Leggi anche: Come diventare ricchi con le criptovalute: tre consigli per chi vuole investire nel 2018

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bitcoin, Economia Italia, Economia USA