Top 10 criptovalute: Pasqua di sangue per le principali monete virtuali

Bitcoin sembra aver perso oltre il 6% rispetto alle precedenti 24 ore, con un valore stabilizzatosi intorno ai 7 mila dollari.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Bitcoin sembra aver perso oltre il 6% rispetto alle precedenti 24 ore, con un valore stabilizzatosi intorno ai 7 mila dollari.

Fuga dalle criptovalute. Avremmo potuto intitolare anche così il nostro approfondimento quotidiano sul tema relativo alle criptomonete. In mattinata, Bitcoin è sceso a 6.700 dollari, mentre ora ha recuperato qualcosina, riportandosi a quota 7 mila. Troppo poco, però, per non far scattare l’allarme. Si tratta di una Pasqua di sangue per le principali monete virtuali, come certifica la classifica attuale del portale coinmarketcap.com, che ordina tutte le criptovalute esistenti in base al valore del marketcap di ciascuna di loro.

Il caso di Ripple è emblematico

In questo momento, Bitcoin perde oltre il 6 per cento rispetto alle precedenti 24 ore, con un valore stabilizzatosi intorno ai 7 mila dollari. A colpire di più è il valore del marketcap, sceso fino a 120 miliardi di dollari, la stessa cifra che a gennaio apparteneva a Ethereum e Ripple. Nei suoi giorni migliori, Bitcoin aveva una capitalizzazione azionaria superiore ai 200 miliardi di dollari. In tre mesi, il marketcap della principale criptovaluta è crollato del 50 per cento. Il dato più sorprendente, se vogliamo, è che le altre criptomonete hanno fatto ancora peggio, nonostante gli ottimi risultati raggiunti con la loro blockchain.

Il caso di Ripple è forse il più emblematico. L’asset digitale della criptovaluta di Chris Larsen è quotato a poco più di 0,50 centesimi di dollaro, un valore ben lontano dai quasi 4 dollari fatti registrare a cavallo tra la fine di dicembre e l’inizio del mese di gennaio. Il valore della capitalizzazione azionaria è letteralmente crollato, passando dai 130-120 miliardi di dollari agli attuali 20 miliardi. Lo stesso discorso vale per Ethereum, che a inizio gennaio aveva un marketcap superiore ai 100 miliardi e oggi vale meno di 40 miliardi (50 per cento in più rispetto a Ripple). In questi giorni, l’unica criptovaluta in controtendenza è EOS, che guadagna rispetto alle ultime 24 ore l’1,48%.

La classifica delle migliori 10 criptovalute ad oggi 30 marzo 2018

  1. Bitcoin $7.085,71 (-6,37%)
  2. Ethereum $396,36 (-4,63%)
  3. Ripple $0,517240 (-5,26%)
  4. Bitcoin Cash $726,18 (-5,91%)
  5. Litecoin $118,83 (-1,56%)
  6. EOS $6,10 (+1,48%)
  7. Cardano $0,146899 (-1,70%)
  8. Stellar $0,192745 (-2,91%)
  9. NEO $51,56 (-3,58%)
  10. IOTA $1,11 (-1,35%)

Leggi anche: Criptovalute, computer a rischio: ecco cosa sono virus miner

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bitcoin, Economia Europa, Economia Italia