Tesco e Carrefour: strategia anti Amazon e la battaglia per i prezzi bassi

Tesco e Carrefour insieme per rivoluzionare i prezzi e per la gestione dei marchi private label.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Tesco e Carrefour insieme per rivoluzionare i prezzi e per la gestione dei marchi private label.

Amazon inizi a tremare. Carrefour, catena di supermercati francese, e Tesco, leader dei supermercati nel Regno Unito, hanno siglato un accordo che darà il via libera, entro un paio di mesi, ad una partnership strategica per la gestione dei marchi private label della durata di 3 anni. Lo scopo è migliorare la qualità e l’assortimento dei prodotti offrendo prezzi ancora più bassi. Si tratta sicuramente di un duro colpo per Amazon, che negli ultimi tempi stava puntando anche alla vendita di generi alimentari sul suo portale facendo leva proprio sui prezzi concorrenziali.

Cosa potrebbe cambiare con l’accordo tra Tesco e Carrefour?

Per Carrefour si tratta di un altro accordo davvero molto importante. Negli ultimi mesi aveva già siglato delle partnership con Tencent e Google, il tutto per ridurre i costi e alzare il livello dei prodotti, così come ha riferito anche l’ad Alexandre Bompard. Mentre Tesco ha confermato un utile di 1,2 miliardi di sterline e vendite in crescita grazie all’offerta di marchi propri, la catena francese ha registrato un calo del fatturato del 2,4% mentre per le vendite annuali si parla di 88 miliardi per Carrefour e 65,2 miliardi  per Tesco. Da qui l’idea di un accordo che mira a condividere strategie di marketing e unire competenze come ha fatto sapere l’ad di Carrefour Bompard, sottolineando che i due gruppi condivideranno anche la raccolta e analisi dati di mercato. L’accordo, oltre a prezzi più convenienti per i prodotti, dovrebbe portare a contatti con i fornitori per abbassare ulteriormente il prezzo.

Contro lo strapotere di Amazon

Oltre che contrastare lo strapotere di Amazon, che dai prodotti tecnologici è passato nel giro di pochi anni a vendere online abbigliamento, accessori, prodotti per la casa, generi alimentari e via dicendo, l’accordo tra Tesco e Carrefour dovrebbe dare filo da torcere a catene low cost come Lidl e Aldi, almeno nelle intenzioni. Se da un lato l’accordo determinerà risparmi fino a 450 milioni di euro, dall’altro, secondo gli analisti, c’è il pericolo di un ribaso dei prezzi con conseguenze negative per i produttori come Nestlé, Unilever o Danone. Intanto, Amazon continua ad espandersi; solo la settimana scorsa è stato annunciato l’acquisto della farmacia online americana Pillpack (Amazon dichiara guerra alle farmacie: consegnerà anche le medicine a casa) un altro grande salto per il colosso di Seattle che molto probabilmente non si lascerà scalfire dalla partnership tra le due catene del Vecchio Continente. 

Leggi anche: Addio scadenze sui prodotti alimentari nei supermercati: l’idea rivoluzionaria di Tesco contro lo spreco alimentare

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Europa, Economia USA, Inchieste alimentari e scandali economici