Tassi BCE, oggi la decisione dell’EuroTower. Le possibili mosse di Draghi

Molte le questioni aperte sul tavolo del board della Bce. Probabili riferimenti nel discorso di Draghi alla crisi in Portogallo e in Grecia nonchè al colpo di stato in Egitto

di , pubblicato il
Molte le questioni aperte sul tavolo del board della Bce. Probabili riferimenti nel discorso di Draghi alla crisi in Portogallo e in Grecia nonchè al colpo di stato in Egitto

Aggiornamento ore 12,59 – A meno di un’ora dalla diffusione del comunicato stampa BCE sui tassi di riferimento nel mese di luglio, Vincenzo Longo, Market Strategist di IG, ha dichiarato di non attendersi alcuna variazione sul costo del denaro. Secondo Longo “la recente accelerazione dell’inflazione e il miglioramento degli indici Pmi potrebbero far desistere la Bce dal promuovere nuove misure non convenzionali già oggi”.

Sui tempi di un intervento dell’EuroTower, l’analista ha dichiarato di attendersi calma piatta fino a settembre, quando ci saranno le elezioni tedesche.

 

Si riunisce oggi il board della BCE, chiamato ad esprimersi sulla politica monetaria per il mese di luglio. Stando alle attese della vigilia, non dovrebbero esserci novità. I tassi di riferimento non saranno tagliati, dopo l’abbassamento allo 0,50% deciso a maggio. Niente tassi negativi sui depositi overnight, come pure era stato paventato nei mesi scorsi e il cui tema è tornato in auge anche in queste settimane. Infine, nessuna decisione dovrebbe essere assunta con riguardo alle misure non convenzionali di cui ha parlato anche di recente il governatore Mario Draghi. In particolare, non ci dovrebbe essere il varo della cartolarizzazione dei crediti bancari alle piccole e medie imprese.

Tuttavia, non si tratterà di una riunione rituale. Questo è il primo board successivo alle dichiarazioni del presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, su un possibile “tapering” del QE3. A tale proposito, sarà interessante ascoltare le parole che Draghi pronuncerà alla consueta conferenza stampa di primo pomeriggio. Ci si attende un discorso “dovish”, ossia accomodante. Anche perché è lo stesso governatore a presiedere oggi il board con diverse preoccupazioni.

 

Crisi Euro: Grecia e Portogallo sul tavolo del board Bce

In primis, la crisi politica apertasi in Portogallo. Le dimissioni di quattro ministri in poche ore a Lisbona potrebbero avere determinato la fine del governo di centro-destra di Pedro Passos-Coelho, considerato una garanzia per le politiche di risanamento, necessarie per portare il paese fuori dalle secche della recessione e della crisi del debito, essendo il Portogallo sottoposto a un piano di assistenza finanziaria sin dal giugno del 2011.

Il “bail-out” da 75 miliardi di euro dovrebbe concludersi entro la metà del 2014, quando Lisbona tornerebbe sui mercati per rifinanziarsi, ma la crisi di queste ore e l’impennata conseguente dei rendimenti sui suoi bond (decennali all’8%) inducono al pessimismo, tanto che il paese potrebbe essere il primo a dover chiedere l’aiuto del piano Omt di Draghi, anche se questo si applica solo a quanti si rifinanziano sul mercato. Cosa che non è per ora per il Portogallo. E rumors vorrebbero che la BCE non sia intenzionata ad acquistare bond lusitani (Obbligazioni EDP, Portogallo a “rischio” sale lo spread e i rendimenti dei prodotti societari e Il Portogallo “dimenticato” fa paura ai mercati. Cosa temono gli investitori).

Ma nella testa di Draghi esiste anche il caso Grecia, che rischia di non ricevere la nuova tranche di aiuti per 8,1 miliardi, a causa della scarsa implementazione delle misure richieste dalla Troika (Ultimatum alla Grecia. Troika: “avete tre giorni per mostrare i risultati”. Spettro haircut all’orizzonte).

Infine, non depone in favore della stabilità finanziaria nemmeno il golpe in Egitto, con la deposizione dell’ormai ex presidente Morsi. Tensioni geo-politiche nel Mediterraneo hanno un effetto al rialzo sui prezzi del greggio e per tale via impattano negativamente sull’inflazione dell’Eurozona, restringendo il campo di azione della BCE (Golpe in Egitto, effetti sul prezzo del petrolio e borsa).

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,