Tasi: Scelta Civica chiede il rinvio del pagamento a giugno

I molti interrogativi che gravitano attorno alla nuova tassa sulla casa portano Scelta Civica a chiedere un rinvio del pagamento.

di , pubblicato il
I molti interrogativi che gravitano attorno alla nuova tassa sulla casa portano Scelta Civica a chiedere un rinvio del pagamento.

La proposta del governo di aumentare la Tasi, che va destinata alle famiglie numerose e in difficoltà non è ancora stata trasformata in emendamento ma già presenta un contraddizione di fondo secondo il Senatore di Scelta Civica Gianpiero Dalla Zuanna “Da un lato, il Governo afferma di rispondere, con questo meccanismo, alla richiesta dei Comuni di coprire il ‘buco’ di due miliardi di euro nelle finanze locali aperto dall’abolizione dell’IMU prima casa.

Dall’altro, il Governo afferma che questa misura ‘non prevede un incremento della pressione fiscale’, perche’ si tratterebbe di una redistribuzione della pressione fiscale a favore delle famiglie povere e numerose” afferma il Senatore. Ma si rischia di trasformare il semplice aggravio della tassazione su tutti, senza comprendere come le famiglie povere e numerose possano beneficiare dello sgravio pensato per loro. Proprio per questo motivo “Scelta Civica chiede che il pagamento della TASI venga differito a giugno,e che nel contempo si riordini tutto il sistema di tassazione della casa (e, aggiungiamo, degli immobili strumentali delle imprese e dell’IRES), in modo di favorire in modo certo le famiglie povere con figli, sgravando nel contempo le imprese da oneri ingiustificati e sempre meno sopportabili” conclude Dalla Zuanna.

Argomenti: