Tapering Fed più vicino dopo il dato sui sussidi Usa

Nuovi sussidi Usa ai minimi del 2006. Migliora il mercato del lavoro e ciò aumenta le probabilità che la Federal Reserve riduca già da settembre gli stimoli monetari

di , pubblicato il
Nuovi sussidi Usa ai minimi del 2006. Migliora il mercato del lavoro e ciò aumenta le probabilità che la Federal Reserve riduca già da settembre
gli stimoli monetari

Il Dipartimento del Lavoro USA confermerebbe il miglioramento sul fronte dell’occupazione, dopo la pubblicazione del dato, per cui nella settimana conclusasi il 6 di settembre, le nuove richieste di sussidi di disoccupazione sono state 292 mila, in calo di 31 mila unità della settimana precedente e sotto le attese di 330 mila. Si tratterebbe del dato migliore dal 2006. Complessivamente, il numero dei disoccupati che beneficia del sussidio è sceso a 2.871.000 dai 2.960.000 attesi. (Usa: il giallo delle richieste di sussidi di disoccupazione. E’ vero calo record?).

Cosa indicano queste cifre? Che il mercato del lavoro americano starebbe mostrando segnali di miglioramento, anche se ancora il tasso di disoccupazione Usa resta inchiodato al 7,5%, un livello inusitatamente alto per l’economia USA e al di sopra della soglia obiettivo del 6,5% dell’istituto centrale, sotto la quale si inizierebbero ad abbassare i tassi.

A fronte della prospettiva di una ripresa più solida dell’economia, la Federal Reserve potrebbe già al prossimo Fomc del 17-18 settembre iniziare a ridurre gli stimoli monetari, dando vita al cosiddetto “tapering” del QE3, il programma di acquisti mensili di Treasuries e bond immobiliari per un controvalore di 85 miliardi di dollari. In questa direzione vanno anche i dati sul pil del secondo trimestre, migliori delle attese. Dunque, l’attenzione va rivolta ai movimenti sui Treasuries, se mostrino o meno un aumento dei rendimenti, già raddoppiati rispetto a maggio, quando si attestavano all’1,6%, sulla previsione proprio di un allentamento delle politiche monetarie ultra-espansive della Fed e di una liquidità meno abbondante sui mercati.

 

APPROFONDISCI – Usa: il giallo delle richieste di sussidi di disoccupazione. E’ vero calo record?

 

Il dato migliore delle previsioni dovrebbe indebolire i listini di Wall Street, che in queste settimane risentono di una correlazione negativa con l’andamento dell’economia reale, in considerazione delle mosse della banca centrale americana.

Nei giorni scorsi, tuttavia, l’economista Nouriel Roubini, Prof. alla NYU, si era mostrato scettico sulla possibilità che il “tapering” inizi già in questo mese.

Argomenti: