Tangenti dal Qatar, cosa c’è in gioco nell’inchiesta che travolge i socialisti europei

Un presunto giro di corruzione con tanto di tangenti dal Qatar sta travolgendo i socialisti europei. In gioco c'è il futuro dell'Europa.

di , pubblicato il
Inchiesta su tangenti del Qatar ai socialisti europei

E’ stato già definito “Qatargate” e di certo si tratta di una delle più grandi inchieste di corruzione che coinvolge niente di meno l’Europarlamento. Sul finire della scorsa settimana, la notizia choc di alcuni eurodeputati del gruppo socialista arrestati per un presunto giro di tangenti pagate loro dal Qatar. Fermata anche la vice-presidente Eva Kaili, di nazionalità greca. Gli italiani coinvolti sono l’ex PD Antonio Panzeri, il segretario generale dell’organizzazione internazionale dei sindacati, Luca Visentini e l’assistente parlamentare Francesco Giorgi. Secondo la Procura di Bruxelles, il Qatar avrebbe pagato tangenti ad alcuni esponenti di spicco dei socialisti per ottenere valutazioni positive circa le condizioni dei suoi diritti umani e con particolare riferimento ai lavoratori.

Nell’abitazione di Panzeri sono stati trovati ben 500.000 euro in contanti, mentre a casa di Kaili le banconote frutto della sospetta opera di corruzione sarebbero state rinvenute dentro ad alcuni sacchi. Una vergogna per le istituzioni comunitarie, che rischiano la faccia su una vicenda simile.

Anche perché l’inchiesta sembra allargarsi e ieri è stata effettuata la perquisizione domiciliare a un eurodeputato belga. Nel frattempo, anche i conti dei familiari stretti di Kaili sono stati bloccati.

Dietro le tangenti ai socialisti

L’inchiesta sta avvenendo mentre in Qatar si giocano le ultime partite dei mondiali di calcio, la cui assegnazione stessa sembra essere avvenuta a seguito della corruzione di una dozzina di funzionari della FIFA. Doha respinge le accuse, sostenendo di essersi sempre attenuta alle leggi internazionali. Ma gli elementi dell’accusa appaiono forti. Di preciso, cosa avrebbe voluto ottenere l’emirato con le tangenti? Anzitutto, giudizi positivi a beneficio della sua immagine prima dei mondiali.

E di fatto, i sospettati si sono spesi per notare i forti progressi del Qatar sul rispetto dei diritti dei lavoratori. Analoga è stata la posizione di queste settimane della FIFA, in barba ai 6.500 morti che sarebbero avvenuti sul lavoro in questi anni durante la costruzione degli stadi. Inoltre, gli sceicchi puntano alla liberalizzazione dei visti da parte dell’Europa. E in commissione, al momento del voto a inizio dicembre, più di un eurodeputato notava la presenza anomala di Kaili al momento del voto, non essendo la donna membro della stessa.

L’accordo trovato dall’Europarlamento è stato di compromesso: liberalizzazione dei visti fintantoché non ci sarà una esecuzione a morte nel Qatar. Criteri più rigidi per il Kuwait: nessuna liberalizzazione finché non sarà approvata una moratoria sulla pena di morte. Insomma, alla fine Doha l’avrebbe spuntata. Ma il Qatargate rimette tutto in discussione. Per l’Europa, l’occasione per rialzare la testa dopo essere stata “umiliata” dalla presunta opera di corruzione degli sceicchi.

Numeri del Qatar

Tuttavia, Bruxelles non può alzare la voce più di tanto. Il Qatar è diventato un alleato con cui confrontarsi per allentare la dipendenza energetica dalla Russia. L’emirato possiede il 12% delle riserve di gas accertate di tutto il mondo, qualcosa come 24.250 miliardi di metri cubi, corrispondenti a quasi 59 anni di consumi dell’Unione Europea.

Le esportazioni di gas dal Qatar incidono ancora solo per il 5% del fabbisogno europeo. Di recente, la Germania ha firmato un accordo per importare 2 milioni di tonnellate in 15 anni a partire dal 2026. Troppo poco. Equivale ad appena il 3% dei consumi tedeschi annuali. D’altra parte, l’emirato dispone di una capacità di esportazione di 107 miliardi di metri cubi di LNG, gas naturale liquido.

Dunque, il Qatar serve all’Europa per tagliare le importazioni di gas russo. Il paese conosce la propria rilevanza strategica e negli ultimi anni ha persino giocato ambiguamente sul piano geopolitico, flirtando con l’Iran e finendo per questo isolato e sotto embargo nel Golfo Persico.

I mondiali di calcio avrebbero dovuto suggellare l’immagine moderna e aperta di un emirato sconosciuto al resto del mondo fino a non troppi anni fa. L’inchiesta per corruzione di Bruxelles rischia di appannarla e di provocare contraccolpi nelle relazioni tra Europa e Qatar.

[email protected]

Argomenti: , ,