Taglio cuneo fiscale e partite Iva: cosa cambia nel 2020 per chi lavora

Le misure previste dalla prossima legge di Bilancio per le partite IVA toccheranno dipendenti e autonomi.

di , pubblicato il
Le misure previste dalla prossima legge di Bilancio per le partite IVA toccheranno dipendenti e autonomi.

La Camera ha approvato il testo della manovra finanziaria per il 2020, che adesso passerà all’esame del Senato. Due i punti cruciali del testo: il taglio del cuneo fiscale e i nuovi provvedimenti sulle partite Iva. Le misure adottate dal governo giallorosso fanno già discutere, con le opposizioni sul piede di guerra.

Il disegno di legge può comunque essere ancora modificato almeno fino alla fine di quest’anno, quando è prevista la votazione finale. Il Fatto Quotidiano, nell’approfondimento della giornalista Chiara Brusini, parla di vittoria a metà. Di seguito le cose più importanti da sapere sulle due misure tanto discusse.

Riduzione del cuneo fiscale: polemiche sui buoni pasto cartacei e auto aziendali

I dipendenti che percepiscono la busta paga mensile riceveranno un aumento di circa 40 euro ogni mese, traducibili in 480 euro nell’arco di dodici mesi. La somma di 40 euro è da intendersi al netto delle tasse e per tutti coloro che hanno diritto a percepire il bonus Renzi di 80 euro. Per chi, invece, percepisce un reddito annuo superiore a 26.600 euro, restando sempre dentro i 35 mila euro (cifra limite se si vuole beneficiare del taglio del cuneo fiscale), l’aumento netto in busta paga mensile sarà di 95 euro. Allo stesso tempo però, l’attuale disegno di legge implica aggravi fiscali per chi guida un’auto aziendale inquinante e utilizza buoni pasto cartacei. Su quest’ultimi, l’esenzione passa da 5,29 a 4 euro, con un potenziale aggravio pari a 20 euro al mese. Per quanto riguarda invece le auto aziendali, il beneficio del 30% (reddito soggetto a tassazione) resta soltanto per chi guida un veicolo ibrido o elettrico, mentre per gli altri si passa al 60% (veicoli a basse emissioni di CO2) e al 100% (auto inquinanti).

Partite Iva: in calo gli autonomi che beneficiano della tassa piatta al 15%

Diverse le misure previste dalla prossima legge di Bilancio per le partite IVA. In primis, il governo ha cancellato l’estensione della flat tax agli autonomi che percepiscono ricavi tra i 65 mila e 100 mila dollari (per loro era prevista un’aliquota al 20%).

Inoltre, se si vuole accedere alla flat tax dal 2020 verrà fissato un tetto pari a 20 mila euro. Cadono invece i paletti del regime analitico e l’esclusione dalla flat tax per chi spende una somma superiore a 20.000 per l’acquisto di beni strumentali.

Leggi anche: Filtri delle sigarette, frode mortale: la denuncia-appello che stupisce

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,
>