Tagli posti letto sanità: diritto alla salute per tutti

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il

Comunicato Stampa 8 novembre 2012 Federconsumatori

 SANITA’: ALLARME TAGLI AI POSTI LETTO. GARANTIRE A TUTTI IL DIRITTO ALLA CURA E L’ACCESSO A SERVIZI E PRESTAZIONI.

  Queste sono ore decisive per il futuro della sanità pubblica italiana: aspettiamo infatti di conoscere come verranno valutati da parte delle Regioni gli standard di riferimento per attuare il taglio dei posti letto e ridefinire la funzione ospedaliera inviati dal Ministero della Salute. Insistere su tagli lineari solo per risparmiare rischia di essere molto penalizzante, soprattutto per i pazienti che hanno maggiori difficoltà sia economiche che fisiche. Nel decreto spending review si prevede l’eliminazione di 26.708 posti letto, in media 1.335 a regione. Federconsumatori insiste sulla necessità di soddisfare prima di tutto la domanda di salute da parte dei cittadini. Ovviamente è necessario scardinare un sistema di sprechi ed inefficienze che minano il Servizio Sanitario Nazionale ma questo non significa certo non garantire a tutti l’accesso a cure e prestazioni di qualità, compromesse dalla drastica riduzione delle risorse. Occorre urgentemente valutare il nuovo fabbisogno sanitario delle famiglie: in questi anni le esigenze sul fronte della salute sono diventate più complesse, poiché i cittadini hanno sviluppato una crescente consapevolezza in questo ambito e chiedono che i servizi sanitari pubblici siano orientati alla prevenzione e alla relazione attiva tra pazienti e personale competente. Ed è proprio in seguito alla crescente richiesta di partecipazione attiva che si presenta la necessità di elaborare una rete di informazioni attendibili, soprattutto in questi tempi di utilizzo massiccio del web per la ricerca di rischiose cure ‘fai da te’.   Chiediamo che le Regioni non sottovalutino le esigenze di prevenzione, massima competenza e accessibilità, sia in termini di domanda di salute che di spesa sanitaria.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Cittadinanza attiva

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.