Tabacchini come bancomat? Tutto vero, chi potrà prelevare e limite contanti

D'ora in avanti si potrà prelevare denaro anche dal tabacchino, ma sarà valido per tutti?

di Chiara Lanari, pubblicato il
D'ora in avanti si potrà prelevare denaro anche dal tabacchino, ma sarà valido per tutti?

Fino ad oggi, i prelievi in contanti erano possibili soltanto al bancomat o all’interno del proprio istituto bancario/postale. Tra pochi giorni, l’Italia conoscerà una vera e propria rivoluzione da questo punto di vista. Infatti, sta per partire il progetto che vede protagonista Banca5, appartenente a Intesa Sanpaolo, grazie al quale i clienti di Intesa potranno prelevare i propri contanti semplicemente presentandosi in uno dei 15 mila punti convenzionati dislocati su tutto il territorio italiano, da nord a sud. Ecco le cose più importanti da sapere in merito ad una delle novità più importante di quest’estate.

Chi può prelevare e limite giornaliero

Come facilmente intuibile, la novità non riguarda l’intera platea italiana di correntisti ma unicamente coloro che sono clienti della banca Intesa Sanpaolo. I tabacchini convenzionati saranno circa 15 mila. Per sapere se vicino alla propria abitazione c’è un tabaccaio che consente di prelevare come fosse un bancomat, ci si dovrà collegare al sito internet di Intesa Sanpaolo o Banca5 (in alternativa si potrà verificare la presenza di un tabaccaio convenzionato anche tramite app). Le carte accettate per il prelievo saranno quelle a debito di Intesa Sanpaolo, appartenenti al circuito Mastercard, Visa e Visa Eletron.

Fino a 150 euro

I contanti che potranno essere prelevati dal tabacchino avranno un limite fissato a 150 euro giornalieri, oltre al quale non si potrà andare. In un mese, dunque, il limite è pari a 4.500/4.650 euro. Al momento dell’avvio del progetto, prelevare i contanti da un tabaccaio sarà gratis. Tale vantaggio però non avrà una durata eterna. Infatti, il prelievo gratuito è previsto fino al 31 dicembre 2019, successivamente verranno applicati dei costi. A differenza di quanto avviene di fronte ad un normale sportello bancomat, il tabacchino vi chiederà l’esibizione di una tessera sanitaria valida, in modo da accertarsi della vostra identità. Immancabili la carta bancomat e il pin.

Leggi anche: Prelievi e versamenti bancari, nuova stretta in arrivo: ecco quando saranno segnalati, attenti anche alle criptovalute

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia

I commenti sono chiusi.