Sugli scontri di Torino, a rischio spaccatura il M5S: la Appendino sotto i riflettori, ma i 5 Stelle devono scegliere

Gli scontri di Piazza Santa Giulia a Torino rischiano di portare alla spaccatura il M5S: la Appendino ha commesso davvero un errore politico?

di Carlo Pallavicini, pubblicato il
Gli scontri di Piazza Santa Giulia a Torino rischiano di portare alla spaccatura il M5S: la Appendino ha commesso davvero un errore politico?

Non è certo un buon momento per il sindaco Appendino, soprattutto dopo i fatti connessi alla finale di Champions League. Scritta forse con un po’ di impeto eccessivo e senza poterne calcolare le conseguenze, l’ordinanza sulle piazze della movida, con il divieto di vendere alcoolici, ha dato i suoi primi frutti: un uso, perlomeno eccessivo se non estremamente ‘goffo’, della violenza da parte della Polizia, che ha deciso di effettuare un blitz con poliziotti in tenuta anti-sommossa non poteva che provocare un polverone politico.

Ecco, intanto, il video di quanto accaduto due notti fa (ringraziamo la redazione di FanPage):

Un approfondimento – Scenari: ‘Il M5S è pronto ad alleanze impensabili o non vuole ancora governare’, perché i pentastellati scelgono il proporzionale?

Il M5S a rischio spaccatura dopo la gestione della piazza voluta dalla Appendino

Goffo, si diceva. O forse si potrebbe chiamare ‘errore politico’. Comunque la si pensi, è eccessivo che, per far rispettare un’ordinanza, la polizia arrivi in tenuta anti-sommossa e, ad un certo punto, carichi a seguito di provocazioni. Le ordinanze si fanno rispettare con  uno strumento molto più semplice: quello amministrativo, con poliziotti, in tenuta regolare, che chiedono documenti e fanno multe. La svolta repressiva della Appendino, infatti, non è piaciuta al M5S di Torino che, in Consiglio Comunale, rischia una sorta di scissione.

Marco Scibona, senatore, e la consigliera regionale Francesca Frediani, entrambi ovviamente del M5S, hanno scritto chiaramente che quanto accaduto conduce a “un prevedibile sconvolgimento del vivere sociale. Condanniamo l’uso indiscriminato della forza da parte della polizia di Stato. Gli avventori dei locali, se in violazione di un provvedimento amministrativo, dovrebbero ricevere una multa. Non una manganellata. Il questore adotterà le stesse misure di sicurezza anche per San Giovanni? Magari con ‘approccio più dolce con il cittadini’ come ha affermato in una recente intervista? Ci auguriamo di non rivedere mai più scene del genere nella nostra città”.

Un altro approfondimento politico – Astensionismo, perché è destinato a crescere anche in Italia – e la colpa non è dell’anti-politica!

Ma la Appendino ha deciso che occorre continuare (grossomodo) così

La risposta della Appendino non si è fatta attendere e si tratta di un messaggio, lasciato su Facebook, in cui rivendica tutte le scelte effettuate e sembra rilanciare anche per il futuro. Certo, afferma innanzitutto che quanto accaduto non deve ripetersi più, ma è anche vero che la colpa non viene data alla sua scelta politica o a quella del Questore o del Prefetto, che hanno utilizzato una forza spropositata rispetto alla finalità, ma proprio a chi ha ‘resistito’ ai pubblici ufficiali. Il commento è il seguente: “intollerabile sia che i controlli predisposti dalla Questura trovino una resistenza violenta da una parte della cittadinanza, sia che questi sfocino in disordini che hanno coinvolto anche persone che stavano trascorrendo una normale serata all’aperto e i gestori degli esercizi commerciali”.

Qui, Fischi, urla e contestazioni: la passerella grottesca della ‘nuova’ sinistra targata Falcone e Montanari (video).

Le differenti anime del M5S prima o poi arriveranno ad un conflitto aperto: soprattutto nel territorio torinese, spesso i Cinque Stelle sono stati vicini al Movimento No-Tav (di cui fa parte anche Askatasuna, il centro sociale accusato dei disordini), una svolta autoritaria (ma goffa, ripetiamo!) non potrà piacere a molti eletti del M5S e molti militanti di base. La spaccatura prima o poi avverrà: i Cinque Stelle devono dire cosa ne pensano chiaramente su tutta una serie di questioni e da che parte stanno.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Politica, Politica italiana

I commenti sono chiusi.