Strategie di vendita ai tempi delle fast fashion: i trucchi dei negozi per vendere di più

Ecco come le grandi catene di abbigliamento riescono ad ottimizzare le vendite.

di , pubblicato il
Ecco come le grandi catene di abbigliamento riescono ad ottimizzare le vendite.

A chi non è mai capitato di entrare in un negozio di abbigliamento, trovare un abito di interesse e ripromettersi di tornare a provarlo in seguito poi, magicamente, dopo qualche giorno il vestito è scomparso? Si tratta di vere e proprie strategie di vendite delle «fast fashion», i grandi store di abbigliamento che usano determinati trucchi per vendere di più. Ne ha parlato di recente Il Corriere in un articolo.

 

Dal ricambio di merce settimanale all’arredamento

Le «fast fashion» basano la propria strategia di vendita proprio sul ricambio di merce settimanale, i capi vengono sostituiti con facilità e quelli invenduti vengono ritirati. Il motivo di tutto ciò? Ovviamente spingere il cliente ad acquistare subito l’abito o il capo adocchiato per evitare di vederlo sparire in breve tempo. Inoltre, cambiando settimanalmente la merce nel negozio, il cliente sarà invogliato a tornare spesso perchè sa che ogni volta troverà cose nuove. Oltretutto i capi vengono spostati di volta in volta anche nella disposizione così da creare sempre quella sorta di effetto novità nel cliente. Molto peso ce l’ha anche l’arredamento usato negli store; la maggior parte delle volte chiaro e neutro ma studiato proprio per adattarsi a tutti i capi e rendere l’atmosfera rilassante in modo da prolungare la sosta dei clienti. 

Il reparto donna è quello che fattura di più

Un’altra strategia è quella di inserire il reparto donna sempre all’ingresso perché è quello che porta più fatturato; le donne entrano con l’intenzione di dare un’occhiata e spesso escono con interi sacchetti di abiti. I capi più alla moda, ovviamente, vengono messi in bella vista mentre quelli basic un po più nascosti. Il fattore prezzo incide. 

Un’altra strategia di vendita è data dalla musica che riesce quasi ad accompagnare all’acquisto il cliente e ovviamente cambia in base al target. C’è poi il particolare degli specchi utilizzati nei camerini, spesso ben illuminati e fatti in modo da slanciare la figura e in modo da rendere meno visibili i difetti; insomma fanno sembrare più magri e la luce rende la pelle più luminosa.

 

Leggi anche: La crisi nera del commercio: chiudono 14 negozi ogni giorno, dramma per i posti di lavoro

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,
>