Stipendi italiani: ecco la verità su quanto guadagnano, i top e flop

E' allarme per gli stipendi degli italiani che ancora percepiscono troppo poco rispetto agli altri paesi della zona euro.

di Chiara Lanari, pubblicato il
E' allarme per gli stipendi degli italiani che ancora percepiscono troppo poco rispetto agli altri paesi della zona euro.

Gli stipendi degli italiani sono troppo bassi. In base ad un rapporto dell’Ocse sulle retribuzioni del 2017, per i connazionali nulla è cambiato. La retribuzione annua lorda, mediamente, è di 29.380 euro, una cifra che porta l’Italia a piazzarsi nona nella zona euro. Il nostro paese rimane dunque ancora indietro quando si parla di stipendi ma un fattore positivo c’è: donne e giovani sono la categoria che sembrano aver visto un leggero miglioramento rispetto al passato.

Quanto guadagnano gli italiani?

In base ai dati dell’Ocse le retribuzioni italiane sono ancora basse rispetto ad altri paesi europei ma giovani e donne possono tirare un sospiro di sollievo. La media, come già accennato, è di circa 29 mila euro lordi, l’83,6% guadagna meno di 35mila euro lordi ossia 2.692 euro lordi al mese per 13 mensilità ma la realtà è che quasi la metà, il 42,8% per la precisione, ha una media di 27mila euro lordi e soltanto il 4,5% supera i 55mila lordi, cifra ancora più bassa se parliamo di 100mila euro annui, in questo caso è l’1% a raggiungere questi numeri. Andando nello specifico, un operaio guadagna mediamente 25mila euro lordi all’anno, ossia 1475 euro netti al mese, al lato opposto gli stipendi dei dirigenti che invece possono contare su una media piuttosto alta; 101.821 euro lordi annui ossia 4.542 euro netti al mese. Le altre categorie stanno nel mezzo.

Stipendi di giovani e donne migliorano

I dati rilevano la riduzione delle differenze di genere soprattutto per quanto riguarda il divario tra uomini e donne (-12,7% del 2016 al -10,4% del 2017) ma in ogni caso le donne con posizioni di comando sono molte meno rispetto agli uomini e vengono pagate meno. Cambiamenti anche per i giovani che all’inizio dell’attività lavorativa possono contare su uno stipendio lordo anno di 22.526 euro.

Quanto incide l’età

L’età è sicuramente incisiva nei dati Ocse: se all’inizio della carriera la retribuzione media è di 22.526 euro, a fine carriera, quindi dopo i 55 anni, si raggiungono 33.155 euro medi. A contare anche il titolo di studi, con i laureati che guadagnano 12mila euro in più rispetto a chi una laurea non ce l’ha (39.730 euro contro 27.849 euro). Va ribadito che si tratta di dati che hanno tenuto conto di medie appunto e di vari fattori, la realtà spesso è ben diversa e non sono molti gli italiani che possono contare su retribuzioni lorde di 35mila euro, la media di 29mila euro ci sembra sicuramente più realistica.

Leggi anche: Aumenti stipendi, chi guadagna di più e come influisce l’età

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia