Stimoli BCE, da Nowotny è stop al prolungamento del QE

Dalla BCE si levano voci contrarie a un allungamento della durata del QE. Nervosismo a Francoforte sul possibile non raggiungimento del target d'inflazione.

di , pubblicato il
Dalla BCE si levano voci contrarie a un allungamento della durata del QE. Nervosismo a Francoforte sul possibile non raggiungimento del target d'inflazione.

Poco prima che il governatore della BCE, Mario Draghi, iniziasse a tenere il suo discorso all’Europarlamento per testimoniare sulla politica monetaria dell’Eurozona, il membro del consiglio direttivo dell’istituto, l’austriaco Ewald Nowotny, ha rilasciato un’intervista a Bloomberg TV, durante la quale  si è mostrato contrario all’ipotesi di allungare il periodo di implementazione del “quantitative easing”, oltre la scadenza del mese di settembre del 2016. Nei giorni scorsi, dopo che la Federal Reserve aveva mantenuto invariati i tassi USA per la 55-esima riunione consecutiva, un altro membro della BCE, il francese Benoit Coeuré, aveva accennato alla possibilità che il piano di stimoli monetari, noto come QE, potesse essere potenziato nel tempo, qualora ve ne fosse bisogno, ovvero nel caso in cui l’inflazione nell’Eurozona non risalisse al target di quasi il 2%. E proprio la scorsa settimana, l’istituto ha tagliato le stime sulla crescita dei prezzi nell’unione monetaria, facendo intravedere un mancato raggiungimento del target fino al 2017.   APPROFONDISCI – https://www.

investireoggi.it/economia/banche-centrali-contro-la-fed-i-segnali-di-irritazione-da-bce-e-boe/  

BCE divisa su eventuali nuovi stimoli

Nowotny eccepisce che la politica monetaria non dovrebbe essere eccessivamente attiva, ma dovrebbe mostrare “mano ferma”. Al contempo, spiega che gli effetti delle sue azioni si materializzano con un certo ritardo temporale dall’attuazione. Quanto alla crescita, nota che vi sia una tendenza al rialzo dell’economia, non forte come si vorrebbe, ma pur sempre in rialzo. E smentisce che vi sia un legame diretto tra l’indebolimento del cambio e la crescita delle esportazioni. Anche se non ha voluto addentrarsi nel discorso,  Nowotny ha ammesso che nel corso del tempo si sarebbe avuto un allentamento del rapporto tra i due. Infine, il banchiere austriaco cerca di limitare l’importanza dell’impatto della decisione della Fed sulla BCE, che invita a non sovrastimare. E con riferimento al dibattito su come potenziare eventualmente il QE, ritiene che non si dovrebbe guardare tanto alle classi di titoli che la BCE potrebbe acquistare. Il QE prevede ad oggi acquisti mensili di titoli di stato dell’Eurozona o emessi da agenzie governative o società semi-statali, Abs e “covered bond” per complessivi 60 miliardi di euro fino al mese di settembre dell’anno prossimo.

In caso di prolungamento della durata, tuttavia, si rischierebbe di non avere sufficienti bond a disposizione da comprare, visto che già da tempo la BCE s’imbatte nel problema della carenza di titoli sul mercato secondario, tanto da avere elevato in estate dal precedente 25% al 33% il limite di bond governativi acquistabili per ciascuna emissione.   APPROFONDISCI – https://www.investireoggi.it/economia/il-quantitative-easing-alla-sfida-della-carenza-di-bond-aggiustamenti-in-vista/  

Problemi tecnici per il prolungamento del QE

  Nei prossimi mesi, poi, le emissioni nette dei vari governi (emissioni di nuovi bond – bond in scadenza) tenderanno a diminuire per effetto del calo tendenziale dei deficit un pò in tutta l’unione monetaria. Per alcuni, addirittura, come la Germania, saranno negative, dato che i conti pubblici tedeschi registrano dallo scorso anno un attivo di bilancio, per cui riescono a chiudere l’esercizio senza fare nuovi debiti e, anzi, riuscendo anche ad ottenere un avanzo. Problemi tecnici e mancanza di un ampio consenso politico, che vi fu con il varo di gennaio, ci spingono a ritenere che per il momento non dovrebbe essere annunciato alcun potenziamento degli stimoli.   APPROFONDISCI – https://www.investireoggi.it/economia/quantitative-easing-nuovi-stimoli-monetari-in-arrivo-dalla-bce/      

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti:
>