Standard and Poor’s fa chiarezza sulla Grecia. Fitch avverte Londra

S&P porta il rating della Grecia a default selettivo e ammette, di fatto, che Atene è tutto tranne che salva. Minaccia "formale" di Fitch alla Gran Bretagna

di Enzo Lecci, pubblicato il
S&P porta il rating della Grecia a default selettivo e ammette, di fatto, che Atene è tutto tranne che salva. Minaccia

Alla fine sono stati gli analisti di Standard and Poor’s a fare chiarezza sulla Grecia e a chiamare con il suo vero nome il recente accordo sul buy back di cui abbiamo ampiamente riferito in questo articolo:Grecia annuncia termini buy-back. Decennali ellenici sotto il 15%). Secondo l’agenzia americana, che ha abbassato il rating della Grecia da CCC a default selettivo, la recente operazione di buyback implica il venir meno di garanzie su specifiche obbligazioni ma non su tutte le obbligazioni.  

Default Grecia: per ora siamo a quello selettivo

La differenza tra default vero e proprio e default selettivo è quindi proprio questa. Secondo gli analisti Usa quello di Atene non può essere definito un default vero e proprio poichè il mancato rispetto del rimorso di una obbligazione giunta a scadenza riguarda solo alcuni titoli ed è limitato nel tempo. Nonostante questa differenza, ammettano gli stessi analisti, è comunque innegabile che l’operazione buyback apra la porta a una forma di default. La presa di posizione di S&P restituisce, nei fatti, un briciolo di obiettività ad una questione su cui si è detto tutto e il contrario di tutto, riconoscendo anche la veridicità di quanto affermano da tempo molti esperti secondo i quali ad Atene è già da tempo in corso un default controllato.  

Rating Gran Bretagna nel mirino di Fitch

Quella di Standard and Poor’s non è stata l’unica presa di posizione da parte delle agenzie di rating su un paese europeo. Questa mattina, infatti, anche Fitch è intervenuta sul rating inglese. In questo caso gli esperti hanno messo in guardia Londra per la possibile perdita della tripla A. La presa di posizione di Fitch non ha stupito più di tanto la Borsa di Londra che si attendeva una simile mossa dopo le incertezze sollevate a proposito della capacità inglese di centrare i target di riduzione del rapporto debito nel 2015-2016. Secondo Fitch è molto probabile che le misure previste dal governo di Sua Maestà spingano il rapporto deficit Pil al 97% entro il 2015/2016. Tale livello sarebbe incompatibile con una tripla A.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Default Grecia, Economie Europa

I commenti sono chiusi.