Squid Game successo da $900 milioni per Netflix, boom del titolo al NASDAQ

E' la serie TV del momento e sta rinvigorendo le azioni Netflix. Squid Game varrebbe per il colosso circa 900 milioni di dollari.

di , pubblicato il
Squid Game, successo da 900 milioni per Netflix

Se non avete sentito ancora parlare di “Squid Game”, siete rimasti in pochi nel mondo. E’ la serie TV di successo di Netflix con un seguito planetario. E dire che viene mandata in onda solamente in lingua originale – coreano – con sottotitoli in inglese. Ciò non ha fatto desistere i circa 132 milioni di spettatori che la seguono. Erano stati 111 milioni per il primo episodio, uscito il 17 settembre scorso.

A cos’è dovuto l’enorme successo di “Squid Game”, letteralmente “Gioco del Calamaro”? Si tratta della storia di 456 individui, tutti alle prese con forti difficoltà economiche, i quali vengono invitati a partecipare a giochi infantili per vincere un montepremi da 45,6 miliardi di won (33 milioni di euro). Ma non è così semplice raggiungere l’obiettivo, anche perché chi fallisce, muore.

Secondo alcune metriche usate da Netflix, che sarebbero dovute rimanere riservate e che, invece, sono state svelate da Bloomberg, “Squid Game” starebbe creando valore per la società stimato in 891,1 milioni di dollari. Il calcolo è stato fatto attraverso il cosiddetto “adjusted viwe share”. Esso combina il numero di utenti che segue la serie TV con il momento in cui si abbona e la frequenza con cui guarda i contenuti offerti dal catalogo. Sempre secondo i numeri svelati dal quotidiano americano, l’89% degli abbonati a Netflix avrebbe seguito la serie, mentre il 66% è arrivato fino all’ultimo episodio.

Impatto in borsa di Squid Game

Il legale di Netflix ha annunciato azioni legali a tutela della società, ritenendo che i dati avrebbero dovuto rimanere nascosti al pubblico. Ad ogni modo, che si tratti di un successo anche sul piano finanziario non vi è dubbio. Per girare la serie TV sudcoreana sono stati spesi appena 21,4 milioni di dollari.

E questi numeri ci volevano. Nel primo semestre, gli abbonati a Netflix sono cresciuti di 5,52 milioni, il dato più basso dal 2013. E pensare che solamente un anno fa la società era stata considerata tra i vincitori della pandemia. Centinaia di milioni di persone costrette a stare a casa avevano accresciuto la domanda di contenuti digitali e a pagamento.

Tuttavia, proprio al pandemia ha ridotto il catalogo di Netflix, a causa dell’impossibilità di girare nuovi film e serie TV. E ciò ha rallentato anche il tasso di crescita degli abbonati. Ma da quando è stato lanciato “Squid Game”, il titolo in borsa è salito dell’8,25% fino alla giornata di ieri. Non sappiamo quanto di questo rialzo sia dovuto proprio alla serie, ma è un dato di fatto che la crescita sia pari a oltre il 40% di quella registrata da inizio anno. Dunque, c’è stata un’indubbia accelerazione delle azioni nell’ultimo mese. In termini di capitalizzazione, parliamo di +21,5 miliardi.

[email protected] 

Argomenti: