Spiagge e stabilimenti balneari, come ripartono: ombrelloni distanti e non solo

Tra le varie ipotesi più certe gli ingressi separati, sanificazioni, si ai tuffi ma no agli happy hour in spiaggia.

di , pubblicato il
Tra le varie ipotesi più certe gli ingressi separati, sanificazioni, si ai tuffi ma no agli happy hour in spiaggia.

Questa estate andremo in vacanza e non la passeremo in quarantena. A dirlo è stato Giuseppe Conte che ha voluto tranquillizzare quanti erano in ansia per la paura di dover passare l’estate in casa. Nella bozza del decreto si parla anche di come andremo in spiaggia e quali sono le varie ipotesi al vaglio per permettere l’accesso in spiaggia. 

Come ripartono le spiagge italiane

La fase 2 e la voglia di mare, spiagge e vacanze sembrano prendere forma. Da Nord a Sud, gli stabilimenti balneari italiani stanno pensando a come aprire a partire dai pasti serviti direttamente sotto l’ombrellone, tavoli e sedie distanziati o da collocare in aree polifunzionali con permessi da ottenere nei Comuni. Tra le varie ipotesi più certe gli ingressi separati in entrata e uscita e gli ingressi contingentati durante le giornate più affollate nonché l’obbligo di indossare mascherine per il personale dipendente, a cui sarà misurata la temperatura, mentre i bagnanti non avranno l’obbligo di metterle a meno di affollamenti. Per quanto riguarda la distanza tra ombrelloni, l’accordo sembra vicino: si parla di superficie minima di dieci metri quadrati e mezzo che dovrà essere occupata dall’ombrellone e di almeno un metro e mezzo di distanza uno dall’altro. Ovviamente ogni ombrellone dovrà essere occupato dallo stesso nucleo familiare o da condivide la stessa stanza in hotel. Chiariti anche alcuni punti relativi ai tuffi in mare e nuotate che saranno permesse ma sempre evitando assembramenti.  

No ad aperitivi sulla spiaggia

Ad ogni cambio di clientela sono previste le sanificazioni degli ombrelloni, così come dovranno essere sanificati bagni e docce più volte al giorno.

Per i clienti degli stabilimenti dovrà essere garantita la possibilità di igienizzare le mani con sapone e detergente. Altre disposizioni riguardano il permesso di passeggiare in spiaggia ma mantenendo la distanza, saranno mantenute le aree gioco per i bambini ma probabilmente con un numero massimo di accessi. Per ora sembrano invece vietati aperitivi e balli in riva al mare. No a concerti, feste, eventi ed happy hours sulla spiaggia mentre per gli sport sembra quasi certo che si potranno praticare quelli individuali.

Leggi anche: Turismo in crisi e rebus vacanze: quali paesi apriranno e soluzioni per le spiagge

[email protected]

Argomenti: ,