Spagna, Goldman Sachs considera inevitabili gli aiuti

S&P non vede ripercussioni sul rating spagnolo nel caso di un piano di salvataggio

di Enzo Lecci, pubblicato il
S&P non vede ripercussioni sul rating spagnolo nel caso di un piano di salvataggio

La Spagna ha un’unica via di uscita dall’attuale crisi del debito e questa via di uscita passa dalla richiesta ufficiale di aiuti all’Europa. Ad affermarlo sono stati gli analisti della banca d’affari Goldman Sachs secondo i quali sarebbe utopistico ritenere che Madrid possa riuscire a strappare alla Bce l’acquisto dei suoi bond sovrani, senza prima aver presentato una richiesta di aiuto all’Europa. Chiaramente, hanno fatto notare gli esperti di GS, il problema non è solo formale. Se la Spagna infatti si trovasse nelle condizioni di chiedere il sostegno dell’Europa, questo implicherebbe tutta una serie di condizioni che andrebbero a limitare la sovranità economica di Madrid. Sui tempi, gli analisti Usa non fanno sconti. Per GS infatti la Spagna già a metà settembre si potrebbe trovare nell’inevitabilità di chiedere aiuto, con tutto quello che ciò comporterebbe.  

Aiuti alla Spagna: nessun effetto sul rating per Standard and Poor’s

Appena ieri l’agenzia di rating Standard and Poor’s aveva affermato che un eventuale prestito di salvataggio destinato alla Spagna, non avrebbe effetti su rating anche perchè Madrid potrebbe ottenere condizioni vantaggiose. Attualmente S6P ha sulla Spagna un rating ‘BBB+ con outlook negativo.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economie Europa