Sondaggi politici: piccole variazioni di inizio settembre per PD, M5S, Lega e Forza Italia

Resta tutto più o meno stabile nel panorama delle intenzioni di voto: l'ultimo sondaggio Ixè registra piccole variazioni per i principali partiti e movimenti politici.

di , pubblicato il
Resta tutto più o meno stabile nel panorama delle intenzioni di voto: l'ultimo sondaggio Ixè registra piccole variazioni per i principali partiti e movimenti politici.

Finita l’estate e con il ritorno dei sondaggi politici, in questo inizio settembre si hanno conferme rispetto all’ultima rilevazione, almeno stando al sondaggio Ixè realizzato per Agorà. Piccole variazioni, in positivo o in negativo, per i principali partiti e movimenti politici. Il Partito Democratico, ad esempio, così come Forza Italia e Sinistra Ecologia e Libertà fa qualche piccolo passo in avanti. Anche il Movimento 5 Stelle aumenta di poco la sua popolarità. Calano invece Forza Italia e Nuovo Centro Destra. Dal sondaggio tuttavia emerge un altro dato rilevante: cresce l’intenzione di andare a votare a parte del campione analizzato. Sono stati infatti ipotizzati tre scenari: il più negativo prevede un’affluenza del 50,9% mentre il più positivo prevede un’affluenza alle urne del 72,2%. La verità sta nel mezzo, e il mezzo parla di un 64,3% di affluenza. Ancora troppo presto per parlare, ma nel frattempo andiamo a scoprire le intenzioni di voto degli elettori italiani secondo l’ultimo sondaggio Ixè.   Il PD mantiene la testa della classifica guadagnando 0,3 punti percentuali rispetto all’ultima rilevazione del 28 agosto e raggiungendo così quota 33,4%, mentre un leggero rialzo investe anche il Movimento 5 Stelle,che a fronte della scorsa settimana guadagna 0,1 punti percentuali salendo al 22,6% dei consensi. Più in basso Lega Nord, che stavolta perde consensi: -0,4 punti percentuali rispetto a 7 giorni fa per un totale del 15,4%. Guadagna 0,3 punti percentuali Forza Italia, che sale così al 10,2%.   Scendendo più in basso troviamo Sinistra Ecologia e Libertà che registra una importante – seppur piccola – crescita, salendo a quota 4,6% (+0,2%). Cresce impercettibilmente anche Fratelli d’Italia, raggiungendo quota 3,9% (+0,1%). Nuovo Centro Destra e UDC continuano invece la loro ripida discesa: il primo scende a quota 3,1% (-0,3%), mentre il secondo si abbassa di 0,2 punti percentuali, scivolando allo 0,5%. Per ciò che concerne la fiducia nel governo, invece, il 34% non ne ha alcuna, mentre il 27% si ritiene soddisfatto dell’esecutivo.

Il 39% invece, afferma di avere poca fiducia nel governo Renzi e nelle sue manovre.

Argomenti: ,