Sondaggi politici Ixè-Agorà Rai 3: ultime rilevazioni di luglio 2014

Fiducia nei leader, i candidati preferiti alle primarie del Centrodestra, meglio l'asse Renzi-Grillo o Renzi-Berlusconi? Ecco l'esito dei sondaggi politici Ixè-Agorà Rai 3 del 18 luglio 2014.

di , pubblicato il
Fiducia nei leader, i candidati preferiti alle primarie del Centrodestra, meglio l'asse Renzi-Grillo o Renzi-Berlusconi? Ecco l'esito dei sondaggi politici Ixè-Agorà Rai 3 del 18 luglio 2014.

Ancora una volta l’istituto Ixè non fornisce le intenzioni di voto elettorali, infatti il talk show politico Agorà di Rai 3 andato in onda il 18 luglio 2014, rende noto solo l’esito di interessanti sondaggi politici che riguardano la fiducia nei leader e il sentiment degli elettori del Centrodestra riguardo ad eventuali primarie. Inoltre, un giudizio sull’asse Renzi-Grillo e Renzi-Berlusconi, con risposte suddivise tra elettori del Partito Democratico, di Forza Italia e del Movimento 5 Stelle.

Sondaggi politici Ixè per Agorà del 18 luglio 2014: confronto dati 11 luglio

Come consuetudine, non manca mai il quesito che testa il sentiment degli italiani per quanto concerne la fiducia nei leader. Matteo Renzi, Presidente del Consiglio e Segretario del PD, con il 52% è saldamente il preferito ma perde 1 punto. Segue il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al 37%, anch’egli in calo dell’1%. Decisamente più lontani gli altri leader politici. Beppe Grillo leader del M5Sal 19%, perde 1 punto nei consensi, Matteo Salvini anch’egli al 19% ma il dato è invariato, Silvio Berlusconi è al 18%, in ascesa di 2 punti e  Angelino Alfano, infine, fanalino di coda di questa classifica con il 13%, scende del 2,0%. Ixè chiede agli elettori dei principali tre partiti italiani, cosa pensano dell’asse Renzi-Berlusconi e Renzi-Grillo, vediamo le risposte le cui percentuali si riferiscono alla fiducia. Accordo Renzi-Berlusconi: gli elettori: PD 30%, FI 93%, M5S 0%. Totale 34%. Accordo Renzi-Grillo: gli elettori: PD 45%, FI 3%, M5S 83%. Totale 36%. Indecisi su entrambi gli assi: PD 25%, FI 4%, M5S 25%. Totale 30%. Appare evidente che l’elettorato di Forza Italia vede come unico accordo possibile per far rimanere in campo il loro leader di partito,  quello di Berlusconi con il PD di Renzi. Rimane dell’idea l’elettorato del Partito Democratico che sarebbe meglio che il loro Presidente del Consiglio si accordasse con Grillo e il Movimento 5 Stelle. Fra i grillini, esclusione assoluta da qualsiasi tipo di accordo per Berlusconi con chicchessia, dunque la stragrande maggioranza vuole un accordo di Grillo con Renzi. Rispondono gli elettori di Centrodestra, a proposito di un’eventuale votazione in caso di primarie.

Silvio Berlusconi 29%, Marina Berlusconi 17%, Giovanni Toti 14%, Raffaele Fitto 10%, Matteo Salvini 9%, ex equo per Angelino Alfano e Giorgia Meloni, 8%. In coda Nunzia De Girolamo al 3% mentre il 2% preferisce non rispondere o non sa. La famiglia Berlusconi non perde colpi, anche Marina (mai entrata in politica), riscuote più fiducia del nominato del padre (Toti), e di Alfano, sorprende il consenso del segretario della Lega Salvini.

Argomenti: