Sondaggi politici ad oggi 18 settembre: Pd avanti al M5S, Centrodestra primo

I nuovi sondaggi politici dell’istituto Swg al 18 settembre vedono il sorpasso Pd mentre M5S rimane stabile.

di , pubblicato il
I nuovi sondaggi politici dell’istituto Swg al 18 settembre vedono il sorpasso Pd mentre M5S rimane stabile.

I nuovi sondaggi politici dell’istituto Swg aggiornati ad oggi 18 settembre confermano il sorpasso a sorpresa del Partito democratico sul Movimento 5 Stelle. A livello di coalizione però in testa c’è sempre il Centrodestra, che ieri ha vissuto una giornata molto importante con i comizi di Matteo Salvini da una parte e Silvio Berlusconi dall’altra. Un trend che, se confermato anche alle prossime elezioni regionali in Sicilia, potrebbe consegnare la regione del Sud Italia in mano alla coalizione libera.

Sorpasso Pd, M5S stabili

Il Partito democratico in una settimana riesce a recuperare quasi un punto percentuale, balzando davanti al Movimento 5 Stelle. Il nuovo riferimento per i democratici è 27,3 per cento, contro il 26,6 della settimana scorsa. Il fatto che il provvedimento sullo Ius soli si sia arenato al Senato non sembra abbia intaccato la forza del partito di Matteo Renzi, anzi.

Un sorpasso di certo inaspettato, che non potrà non avere conseguenze in questa settimana, all’indomani della candidatura di Luigi Di Maio a premier. Una svolta importante quella dei 5 Stelle, anche se per tanti non è di certo una sorpresa vedere Di Maio leader del Movimento fondato da Beppe Grillo e Casaleggio. “Una meteorina”, così è stato definito da Berlusconi ieri uno dei principali candidati alla guida di un governo 5 Stelle alle prossime elezioni politiche del 2018. Vedremo se il pensiero del Cavaliere sarà condiviso anche dagli italiani alle urne in primavera.

Leggera flessione per la Lega Nord

I dati dell’istituto Swg segnalano una Lega Nord non proprio in forma. Il Carroccio in una settimana ha perso lo 0,5 per cento. Mezzo punto percentuale in meno che viene comunque controbilanciato dal +0,2 per cento di Forza Italia, che si porta al 13,6 per cento, a 2 punti percentuali rispetto alla Lega Nord.

Ieri a Pontida è andata in atto una sorta di rivoluzione, con Umberto Bossi che non ha parlato. Il “Senatùr” è stato al centro della scena politica nell’ultima settimana a causa della decisione dei giudici di Genova di chiudere i “rubinetti” alla Lega, in riferimento ad un episodio del passato che lo riguarda da vicino. Stabile infine Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, al 4,3 per cento.

Argomenti: , ,