Smart working, i Paesi dove si pagano meno tasse

I paesi perfetti per lo smart working dove si pagano meno tasse.

di , pubblicato il
Smart working, paesi meno tasse

Lo smart working è una realtà sempre più presente in Europa e nel resto del mondo. Non è un caso che diverse nazioni siano interessate a convincere gli smart worker più qualificati a trasferirsi da loro, con tutti i benefici che ne conseguono. E per farlo stanno puntando in particolare su una tassazione inferiore, oltre naturalmente alle loro destinazioni turistiche.

Italia

Cominciamo proprio dall’Italia. Dal 1° gennaio 2020 gli espatriati possono tornare in Italia godendo di un reddito esentasse fino al 90% se trasferiscono la loro residenza fiscale al Centro-Sud (70% qualora si scelga il Nord). Lo sconto fiscale ha una durata di cinque anni, rinnovabile per altri cinque. L’unico requisito da rispettare è lavorare in una società italiana o essere titolari di una società.

Grecia

I liberi professionisti che desiderano trasferirsi in Grecia beneficiano dell’esenzione dal pagamento dell’imposta sul reddito al 50%. Tra i requisiti richiesti viene è anche quello di fornire servizi di lavoro a un cittadino di nazionalità greca o una filiale ellenica di un’azienda straniera.

Croazia

A partire dal 1° gennaio 2021 la Croazia consente ai lavoratori stranieri a distanza di ottenere un visto della durata di un anno. In più, chiunque deciderà di trasferirsi qui potrà contare anche sull’esenzione del pagamento delle tasse sul reddito.

Madeira

Un altro progetto volto a favorire i nomadi digitali ha per protagonista Madeira. Dal 1° febbraio di quest’anno e fino al 30 giugno, Ponta da Sol si trasformerà in villaggio per smart worker, con accesso gratuito a Internet dalle 8 alle 22. Al momento l’iniziativa è aperta a sole 100 persone, mentre le richieste pervenute al governo portoghese sono migliaia.

Dubai

Al di fuori dell’Unione Europea si può citare l’esempio di Dubai.

Oltre alle infrastrutture digitali all’avanguardia, gli Emirati Arabi rappresentano un vero e proprio paradiso terrestre per chi lavora da remoto in quanto le persone fisiche non vengono tassate sui redditi.

Vedi anche: I danni dello smart working: come evitare gli effetti fisici negativi del lavoro agile

Smart working all’estero: da Dubai all’Islanda, il lavoro agile lontano da casa

[email protected]

Argomenti: ,